35 ANNI FA NASCEVA THORPE: IL NUOTO PRIMA DELL’ERA PHELPS

9 medaglie olimpiche, 15 medaglie iridate e 23 record mondiali fatti cadere tra il 1998 e il 2002: Ian Thorpe è una leggenda indiscussa dello sport australiano e del nuoto mondiale. Prima dell’era Phelps, Ian era considerato il più grande nuotatore di tutti i tempi.

Ian Thorpe nasceva esattamente 35 anni fa a Sidney. Figlio di sportivi, si dedica alla carriera natatoria affascinato dallo stile di nuotata della sorella maggiore Christina (costretta alla piscina a causa di un infortunio al polso). La sua avventura acquatica inizia così a soli 5 anni, ma un’iniziale allergia al cloro gli impedisce di mettere la testa sott’acqua e quindi di partecipare a gare.

LEGGI LA BIOGRAFIA DI IAN THORPE

Poco importa. Il copione della sua vita sembra già scritto e quell’iniziale allergia al cloro è destinata a sparire. Ian è un nuotatore prodigio: a soli 14 anni vince l’argento nei 400 stile ai Giochi PanPacifici (1997) di Fukuoka. L’anno successivo vince l’oro ai Campionati Mondiali di Perth (1998) – sempre nei 400 stile – e la storia del giovane nuotatore australiano che sta stravolgendo la storia dei 400sl inizia a fare il giro del mondo.

Ma la sua avventura è solo all’inizio: ai Giochi PanPacifici del 1999 che si tengono presso il Sydney Olympic Park, Thorpe termina i 400 stile con l’incredibile crono di 3’41″83, stabilisce così il nuovo record del mondo sulla distanza, abbassando di 1 secondo e 97 centesimi il precedente primato che apparteneva al connazionale Perksin.

Ai Giochi Olimpici di Sidney 2000 Thorpe vince 3 ori (400 stile, 4×100 stile e 4×200 stile) e due argenti, (200 stile e 4×100 misti) e stabilisce 4 record del mondo. L’anno successivo, ai Campionati Mondiali di nuoto di Fukuoka, la stella australiana fa en plein. 6 ori: nessuno prima di lui era riuscito in tale impresa. Thorpedo, come viene soprannominato, diventa il nuotatore da battere.

Da Fukuoka in poi il cammino della stella australiana si avvicina vertiginosamente a quello del Kid di Baltimora. Thorpe al suo massimo splendore, Phelps al primo importante acuto. Michael Phelps in Giappone partecipa a una sola gara, i 200 m farfalla, e fa segnare il nuovo WR sulla distanza. Lo scontro diretto non avviene, ma è solo questione di tempo.

Ai Giochi Olimpici di Atene 2004 Thorpe vince due ori, un argento e un bronzo. La finale più emozionante è quella dei 200 stile che vede fronteggiarsi Thorpe, Phelps, Hackett, e Van den Hogenband. L’ora è giunta. La “gara del secolo”, come è stata poi ribattezzata, viene vinta dalla stella australiana in 1’44”71, crono che gli vale il nuovo record olimpico. Phelps chiude al terzo posto e sarà l’unico bronzo individuale olimpico che vincerà in carriera.

Al termine delle Olimpiadi Ian Thorpe annuncia il suo ritiro. Phelps, fallita la mastodontica impresa di battere il record di 7 ori olimpici vinti da Mark Spitz a Monaco ’72, se ne va da Atene con 6 ori, 2 bronzi e l’assoluta volontà di rifarsi a Pechino 2008. Com’è andata a finire ormai è storia.

LEGGI LA BIOGRAFIA DI MICHAEL PHELPS

Oggi Ian Thorpe compie 35 anni. Una storia incredibile, la sua: il dover convivere con la consapevolezza di essere una leggenda del nuoto, la depressione, l’omosessualità … Ian rimane oggi un campione senza tempo e senza età che per sempre rimarrà nella HALL OF FAME del nuoto mondiale. LEGGI LA BIOGRAFIA COMPLETA

SEI APPASSIONATO DI NUOTO?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
TANTE CLOROSE NOTIZIE IN ARRIVO