NICOLÒ MARTINENGHI - LA RANA AZZURRA CHE CRESCE

NICOLÒ MARTINENGHI - LA RANA AZZURRA CHE CRESCE

Record dopo record, Nicolò Martinenghi (classe '99) è entrato di prepotenza nel nuoto che conta. Specializzato nella rana è il detentore del record italiano e mondiale Juniores nei 100 rana (59"01, Indianapolis 2019), e mondiale Juniores nei 50 rana (26"97, Riccione 2017)


BIOGRAFIA

Nicolò Martinenghi nasce a Varese il primo agosto 1999, inizia a nuotare a 6 anni, sportivo nel DNA, in piscina segue le orme del fratello maggiore Jacopo, superando un iniziale odio per l'acqua. Il suo punto di riferimento di sempre è l'azzurro Domenico Fioravanti, anche lui specializzato nella rana, a Sidney 2000 vinse la combinata 100 e 200 rana (primo nella storia a riuscirci, e primo oro olimpico per il nuoto azzurro). Martinenghi è allenato dal tecnico Marco Pedoja.


I PRIMI SUCCESSI INTERNAZIONALI

Argento nei 50 rana ai mondiali giovanili di Singapore 2015, l'anno successivo agli europei giovanili ungheresi vince 3 ori e due argenti. Nel 2017 ottiene una serie di risultati importantissimi, frutto di una crescita progressiva e straordinaria: ai campionati europei giovanili che si svolgono a Netanya (Israele) tra la fine di giugno e l'inizio di Luglio l'azzurro vince 4 ori. 50 e 100 rana, 4x100 misti e 4x100 misti mista, e stabilisce il nuovo record nazionale assoluto e il nuovo record mondiale Juniores nei 100 rana in 59"23.

L'azzurro partecipa quindi ai Campionati Mondiali di Budapest 2017 dove - a causa di uno stato di salute non ottimale - conclude con due noni posti (nei 50 e nei 100 rana). Terminati i Mondiali magiari Martinenghi partecipa anche ai Mondiali Giovanili che si sono disputati a Indianapolis. Qui l'azzurro vince l'oro in entrambe le sue specialità e abbassa ulteriormente il record italiano e mondiale Juniores nei 100 rana (59"01).


2018 - 2019: L'INFORTUNIO & IL RECUPERO

Il 2018 di Nicolò è caratterizzato da un infortunio da stress all'osso pubico sinistro, subito a inizio anno. Questo infortunio lo tiene fermo ai box per parecchi mesi, facendogli saltare i campionati europei di Glasgow. In quell'occasione il suo tecnico Marco Pedoja affermò:

 Ho scelto di tutelare Niccolò per i prossimi due anni, dicendogli chiaramente che la sua stagione è finita. Punto. Eventualmente tornerà ad allenarsi a fine agosto, piuttosto che a metà settembre. La priorità in questo momento è quella di recuperarlo al 110%. Tra otto anni si ricorderà di aver saltato l’Europeo 2018, ma non si ricorderà nemmeno dove fosse organizzato“

Nel 2019 torna a essere altamente competitivo e partecipa ai Campionati Mondiali di Gwangju, in Corea, dopo aver centrato le qualificazioni durante gli Assoluti Primaverili. Nei 100 rana l'azzurro non riesce ad andare oltre le semifinali: 59″34, il suo crono, che poi viene cancellato per virata irregolare con tanto di squalifica. Niente squalifica nei 50 rana, ma il suo crono (27"31), non è sufficiente per entrare tra i migliori 8.


L'INTERVISTA

Abbiamo avuto la possibilità di intervistare Nicolò più volte. Questa l'intervista che gli abbiamo fatto nel 2017, buona vision!


LEGGI LE BIOGRAFIE
DI MOLTI ALTRI NUOTATORI


APPASSIONATO DI NUOTO?

Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social o iscriverti alla nostra newsletter. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER