NUOTO: ASSOLUTI FRECCIAROSSA 2022, RISULTATI MATTINA D1 1

NUOTO: ASSOLUTI FRECCIAROSSA 2022, RISULTATI MATTINA D1

10 Novembre 2022 Off Di Marta

Al via gli assoluti invernali in quel di Riccione. Gli italiani hanno due giornate per conquistare gli ultimi posti disponibili sul volo per i mondiali in vasca corta di Melbourne.  In mattinata, abbiamo assistito ad una prestazione enorme di Simone Cerasuolo, che si laurea campione nazionale. Pier Andrea Matteazzi con forza e carattere vince i 400 misti. Silvia Scalia primeggia nei 50 dorso, ma a causa di una gara non perfetta non riesce a prenotarsi per il grande appuntamento che ci aspetta.

Matteo Rivolta domina i 50 farfalla e Benedetta Pilato i 100 rana. Margherita Panziera è la nuova regina dei 200 stile. Mentre Matteo Ciampi vince i 400. L'ultima gara della sessione, i 100 farfalla femminili, regala grande divertimento e la medaglia d'oro a Ilaria Bianchi.


400 misti uomini

  • Record Mondiale: 3'54"81
  • Record Europeo: 3'57"27
  • Record Italiano: 3'59"57

La serie dei migliori vede un bel testa a testa tra Matteazzi e Sarpe. Dopo essersi sorpassati a vicenda diverse volte, Pier Andrea Matteazzi riesce a precedere Pietro Paolo Sarpe. Sebbene la condotta di gara sia stata discreta, il tempo per i prossimi mondiali è molto lontano: 4'03"59 contro i loro 4'09"79 e 4'10"34. Completa il primo podio nazionale Simone Spediacci in 4'11"00.

Il podio:

50 racconti sul nuoto: il libro di nuotounostiledivita
  1. Pier Andrea Matteazzi in 4'09"79
  2. Pietro Paolo Sarpe in 4'10"34
  3. Simone Spediacci in 4'11"00

50 dorso donne

  • Record Mondiale: 25"27
  • Record Europeo: 25"70
  • Record Italiano: 26"18

Silvia Scalia conduce la sua gara con qualche imperfezione, ma riesce a vincere in 26"54. In zona mista mostra un po' di rammarico, in quanto il tempo per volare in Australia (26"39) era alla sua portata. Elena Di Liddo, dopo aver dato filo da torcere a Scalia, chiude seconda in 26"74. Il bronzo invece viene conquistato da Costanza Cocconcelli (26"86).

Il podio:

  1. Silvia Scalia in 26"54
  2. Elena Di Liddo in 26"74
  3. Costanza Cocconcelli in 26"86

50 farfalla uomini

  • Record Mondiale: 21"75
  • Record Europeo: 21"75
  • Record Italiano: 22"02

Matteo Rivolta domina i 50 farfalla e ipoteca il primo posto già a metà gara. Nonostante la bella prestazione, non riesce a staccare il pass per Melbourne per soli cinque centesimi. Il suo tempo è 22"43. Dietro di lui, arrivano Busa e Stefanì che fanno rispettivamente 22"93 e 23"03. Delusione per Codia e Lamberti che chiudono nelle retrovie, con croni ben superiori ai loro standard.

Il podio:

  1. Matteo Rivolta in 22"43
  2. Michele Busa in 22"93
  3. Simone Stefanì in 23"03.

200 stile libero donne 

  • Record Mondiale: 1'50"31
  • Record Europeo: 1'51"17
  • Record Italiano: 1'51"17

Margherita Panziera si laurea campionessa italiana della distanza in 1'57"07. Secondo posto per Alice Mizzau con 1'58"03. Mentre il terzo è di Giulia Vetrano (1'58"09). Anche qui purtroppo siamo lontani dal tempo che andava nuotato per volare ai prossimi mondiali in vasca corta: 1'54"70.

Il podio:

  1. Margherita Panziera in 1'57"07
  2. Alice Mizzau in 1'58"03
  3. Giulia Vetrano in 1'58"09

50 rana uomini 

  • Record Mondiale: 24"95
  • Record Europeo: 25"25
  • Record Italiano: 25"37

A Riccione, il primo pass viene conquistato dal giovane Simone Cerasuolo che vince in scioltezza con il tempo di 25"90. L'azzurro si laurea campione italiano in assenza di Martinenghi (già qualificato), sbriciolando il crono previsto dalla Federazione per Melbourne: 26"09. Il vice campione è Fabio Scozzoli che nonostante la differenza d'età con i suoi avversari, dà sempre del filo da torcere e chiude in 26"18. Federico Poggio conquista il bronzo nazionale in 26"74.

Il podio:

  1. Simone Cerasuolo in 25"90
  2. Fabio Scozzoli in 26"18
  3. Federico Poggio in 26"74

100 rana donne

  • Record Mondiale: 1'02"36
  • Record Europeo: 1'02"92
  • Record Italiano: 1'03"55

Benedetta Pilato si conferma quella da battere. Con la consapevolezza di non essere al top della forma, conduce una buona gara e timbra un 1'04"66 che la incorona regina d'Italia. Il suo tempo è sotto il limite utile per andare a Melbourne di tre centesimi, ma poco conta: la giovane aveva il biglietto per l'Australia già in tasca. Dietro di lei si danno battaglia Castiglioni e Carraro per conquistare il secondo posto. Alla fine la spunta la lombarda.

Il podio:

  1. Benedetta Pilato in 1'04"66
  2. Arianna Castiglioni in 1'05"02
  3. Martina Carraro in 1'05"20

400 stile libero uomini

  • Record Mondiale: 3'32"25
  • Record Europeo: 3'32"25
  • Record Italiano: 3'36"63

Uno scatenato Matteo Ciampi conquista la medaglia d'oro in 3'39"31. Il tempo per l'Australia non c'è (3'38"59), ma abbiamo assistito a una bella prestazione. Il secondo gradino del podio è di Marco De Tullio. Mentre Matteo Lamberti conquista il terzo.

Il podio:

  1. Matteo Ciampi in 3'39"31
  2. Marco De Tullio in 3'39"89
  3. Matteo Lamberti in 3'41"38

100 farfalla donne 

  • Record Mondiale: 54"59
  • Record Europeo: 55"00
  • Record Italiano: 56"06

L'ultima gara agli assoluti regala grandi emozioni grazie al duello Bianchi-Di Liddo. La spunta la prima, che vince l'oro in 57"22. Il tempo per andare al mondiale però non c'è (56"29). Elena Di Liddo si accomoda dignitosamente sul secondo gradino. Mentre Giulia D'Innocenzo si mette al collo la medaglia di bronzo.

Il podio:

  1. Ilaria Bianchi in 57"22
  2. Elena Di Liddo in 57"48
  3. Giulia D'Innocenzo in 57"78

Segui il Nuoto italiano con noi

Per rimanere sempre aggiornato sul nuoto mondiale e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

→ FACEBOOK
 INSTAGRAM
→ TELEGRAM


Appassionato di nuoto?

→ ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Marta
Marta
18 anni, studentessa liceale all'ultimo anno. Sei anni di nuoto alle spalle, ora si dedica solo alla palestra. Sogna un futuro da giornalista. Quando non si dispera per aver deciso di iscriversi al liceo scientifico legge o guarda film, sopratutto thriller mentre odia quelli romantici troppo sdolcinati. Se si diploma, dopo frequenterà l'università di scienze della comunicazione. Non vede l'ora di abbandonare per sempre la matematica e di dimostrare che non serve essere raccomandati o particolarmente belli per avere successo.