MONDIALI DI NUOTO: LE PAGELLE DELLA SESTA GIORNATA 1

MONDIALI DI NUOTO: LE PAGELLE DELLA SESTA GIORNATA

26 Luglio 2019 Off Di Federico

Al Nambu Acquati Center di Gwangju si è conclusa la giornata più incredibile fino ad ora di questi Campionati Mondiali di Nuoto 2019. Tre record mondiali caduti: Caeleb Dressel nei 100 delfino, Anton Chupkov nei 200 rana e poi la sorpresa della giornata: Regan Smith nei 200 dorso.

Complessivamente positiva anche la giornata degli azzurri con lo straordinario record italiano della 4x200sl - spazzato via il precedente primato gommato risalente al 2009 - e poi Margherita Panziera e Simona Quadarella che domani saranno in finale dei 200 dorso e degli 800sl a caccia di medaglia.



Anton Chupkov: 10

Magica e incredibile la finale dei 200 rana uomini. A sfidarsi i 3 nuotatori più forti nei 200 rana di tutti i tempi: Wilson, Chupkov e Watanabe. Ai 50 metri Matthew Wilson è primo con un passaggio sotto al record del mondo, Chupkov è attardato: ai 150 metri vira solo quinto. L'ultima vasca del russo ha dell'incredibile: aumenta di frequenza la bracciata recupera una posizione alla volta, ai -15 va in testa e inizia a staccare Wilson e Watanabe. I due primatisti mondiali nulla possono: 2'06"12, è nuovo RECORD DEL MONDO. Una gara stellare quella di Anton Chupkov, tatticamente perfetta, costruita in maniera esemplare con un recupero finale che ricorda i migliori recuperi di Federica Pellegrini nei 200 stile libero. I 200 rana hanno un nuovo Zar che ha il nome e il volto di Anton Chupkov.

SCHEDA DELLA GARA


Regan Smith: 9,5

17 anni e la grinta di chi vuole entrare di prepotenza nella storia del nuoto mondiale. Regan Smith vola letteralmente sull'acqua e sigla il nuovo record mondiale nei 200 dorso in 2'03"35, prima di sempre a scendere sotto il muro dei 2 minuti e 4 secondi. Polverizzato il primato mondiale di Missy Franklin. La storia sembra così ripetersi: nel 2011, infatti, una Missy Franklin appena sedicenne, nuotava il suo primo WR nei 200 dorso. Forse finalmente gli USA hanno trovato la degna erede del Missile di Pasadena.

SCHEDA DELLA GARA


Caeleb Dressel: 10

Nella giornata dei record, nella giornata del riscatto USA, non poteva essere uno dei protagonisti Caeleb Dressel. Lo statunitense chiude le semifinali dei 100 farfalla in 49"50: spazzato via il record mondiale di Michael Phelps che resisteva da Roma 2009. Una prestazione stellare quella di Dressel che abbassa che abbassa di 3 decimi il primato dello squalo di Baltimora, per poi dominare anche le semifinali dei 50sl... e domani potrebbe cadere anche il WR di Cesar Cielo. Senza dubbio il migliore di questo mondiale.

SCHEDA DELLA GARA


Piero Codia: sv

Senza voto. Piero Codia era uno dei nuotatori più attesi in questa rassegna iridata: il Il 50.64 nuotato lo scorso anno a Glasgow lo proiettava come uno dei pretendenti al podio mondiale. 53.09 il crono nuotato dall'azzurro, ventiseiesimo posto assoluto, lontano anni luce dal suo personal best e dal minimo per accedere alla finale. Un problema alla schiena accusato ieri durante allenamento sembra averlo messo KO... la speranza è che il campione europeo in carica nei 100 farfalla riesca a ritrovare la condizione giusta per Tokyo 2020.

SCHEDA DELLA GARA


Margherita Panziera: 8

Allontanati ed eliminati gli spettri dei primi giorni, Margherita Panziera sembra ufficialmente aver ritrovato l'alto livello dimostrato lungo la stagione. L'azzurra nuota bene al mattino e si migliora in semifinale, terzo tempo di accesso alla finalissima. Domani lotta aperta per il podio... e bisognerà vedere cosa riuscirà a fare Regan Smith. Finalissima assolutamente da non perdere.

SCHEDA DELLA GARA


Andrea Vergani e Luca Dotto: 5,5

Il mondiale di Vergani e Dotto nei 50 stile libero si ferma alle batterie. Tanta delusione e un po' di rammarico, la semifinale era - potenzialmente - alla portata di entrambi. Andrea Vergani ha chiuso in 22"56, trentaquattresima posizione assoluta, Luca Dotto sfortunato - cade in acqua per colpa di un errore tecnico dello starter - e chiude in 22"48, ventinovesimo. Un campionato iridato da dimenticare per lo stile libero veloce maschile.

SCHEDA DELLA GARA


Simona Quadarella: 7,5

Festeggiato a dovere il bellissimo oro conquistato nei 1500 stile libero, la neo-campionessa mondiale scende nuovamente in acqua per le batterie degli 800sl. Simona Quadarella conquista la finale degli 800sl con il quarto tempo assoluto in 8'20"86. L'azzurra sembra gestire le energie e tenersi in vista della finalissima di domani.

SCHEDA DELLA GARA


4x200sl MASCHILE: 8,5

Filippo Megli, Gabriele Detti, Stefano Ballo e Stefano Di Cola (e Matteo Ciampi nelle batterie) fanno volare la 4x200sl maschile che polverizza il record italiano in 7'02"01 e chiude al quarto posto la finale mondiale, a soli 3 centesimi dalla medaglia di bronzo. La finale della 4x200sl è stata fino a ora certamente la staffetta più incredibile di questo mondiale, la prestazione degli azzurri è da incorniciare, e il prossimo anno si può sognare in chiave olimpica. Questi i passaggi degli azzurri:

  • Filippo Megli in 1'45"86
  • Gabriele Detti in 1'45"30
  • Stefano Ballo in 1'45"27
  • Stefano Di Cola in 1'45"58


#Gwangju2019: il programma iridato prevede la partecipazione di tutte le discipline FINA: nuoto, nuoto di fondo, nuoto sincronizzato, pallanuoto, tuffi. Link utili:


La diciottesima edizione dei Campionati Mondiali di nuoto è l'evento clous per gli sport acquatici del 2019, nonché vero e proprio trampolino di lancio in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social o iscriverti alla nostra newsletter.

Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM

Vivi #Gwangju2019 con noi!


ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
Una laurea Magistrale in Filosofia presso l'Università di Pavia, un'innata passione per la scrittura, la comunicazione e i social network. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). No, dopo 5 anni di università non ho capito se sia peggio Kant o un 400 misti.