LA SFIDA AL MURO DEI 20", FALLISCE LA PRIMA PROVA DI DRESSEL

LA SFIDA AL MURO DEI 20", FALLISCE LA PRIMA PROVA DI DRESSEL

10 Dicembre 2020 Off Di Federico

Il costumone non basta: 20"41 nel primo tentativo e 20"40 nel secondo, Dressel non riesce a diventare il primo di sempre a scendere sotto il muro dei 20 secondi nei 50 stile libero. “Suit doesn’t make the swimmer, swimmer makes the suit”: queste le parole di Caeleb al termine delle due prove che hanno visto la giovane stella statunitense indossare un costumone gommato come quelli aboliti dalla FINA nel 2010 nel tentativo di diventare il primo della storia ad abbattere il muro dei 20" nei 50sl in vasca corta.


Sub20 Challenge

La prova è stata organizzata dal suo partner tecnico Speedo e ha visto il nuotatore più veloce della storia indossare un Fastskin LZR Racer, il famigerato costumone Speedo, abolito dalla FINA nel 2010.

  • Tentativo 1: 20"41
  • Tentativo 2: 20.40


Quando i costumoni vennero aboliti Caeleb Dressel aveva 13 anni. Forse è per questo che due mesi fa la giovane leggenda di Green Cove Springs aveva pubblicato una foto con indosso un costumone canadese scrivendo: "FINA Please". Gli appassionati di nuoto hanno subito iniziato a fantasticare: dove potrebbe arrivare Caeleb Dressel con un costumone, quali nuovi limiti potrebbe andare a tracciare?

Nella giornata di ieri Dressel ci ha riportato indietro nel tempo indossando il famigerato super-costumone Speedo 2008 Fastskin LZR Racer in occasione di un evento organizzato da Speedo per celebrare il 20° anniversario dell'uscita dell'iconica serie di costumi Fastskin di Speedo.


→ Nel nostro libro 50 Racconti sul Nuoto parliamo anche della storia dei costumi da nuoto (racconto 6) e della scienza che si nasconde dietro ai costumoni (racconto 47).


Il muro dei 20 secondi

L'obiettivo di Dressel era quello di polverizzare la barriera dei 20 secondi nel 50 metri a stile libero. Impresa non impossibile se pensiamo che lo scorso mese ha nuotato un formidabile 20"16 proprio nei 50sl durante le finali dell'International Swimming League.

Il Costumone LZR Racer, come tutti i costumoni in poliuretano, sono stati banditi da tutte le competizioni ufficiali FINA nel 2010, dopo che tra il 2008 e il 2009 sono stati battuti oltre 200 record mondiali. Il tentativo di Dressel si è svolto il 9 dicembre, è stato filmato e oggi hanno rilasciato il video della giornata. L'idea originaria era ovviamente quella di fare l'evento del vivo, ma la situazione globale ha impedito la presenza di pubblico.


Il primo tentativo è fallito, ma siamo certi che questo non sarà l'ultimo.


 

Profilo Autore

Federico
Federico
Una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato dalle gare per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, mi sono laureato nel corso magistrale di Filosofia teoretica a Pavia e ora lavoro in una scaleup tecnologica italiana con sede a Pavia. Così, tra un json e una nuotata in piscina, mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social.