PIOVONO MEDAGLIE A TARRAGONA, E PALTRINIERI FA EN PLEIN

Presso il Centro Acuático de Campclar di Tarragona (Spagna) si sono appena concluse le gare di nuoto della XVIII Edizione dei Giochi del Mediterraneo. Gli azzurri sono saliti per ben 22 volte sul gradino più alto del podio. La ricca e fortunata spedizione azzurra si è abbellita grazie alla bellissima prestazione di Gregorio Paltrinieri che vincendo la finale dei 1500sl ha ufficialmente vinto l'ultimo oro che mancava nella sua bacheca (Greg si è infatti già laureato campione olimpico, mondiale ed europeo sulla distanza → PALMARES). Ecco i risultati degli azzurri a Tarragona, divisi giorno per giorno:

PRIMA GIORNATA

Sono ben 8 gli ori vinti dalla nazionale azzurra di nuoto nella prima giornata dei Giochi del Mediterraneo 2018, tra tutti il più bello è certamente quello di Simona Quadarella, che ha trionfato negli 800sl in 8’21″44. Oro anche per Erika Ferraioli nei 100 sl in 54″91, per Luca Pizzini nei 200 rana in 2’09″91 per Elena Di Liddo nei 100 farfalla in 57″59, per Simone Sabbioni nei 50 dorso in 25″11 (argento per Bonacchi), per Silvia Scalia nei 50 delfino in 28″33 e per Piero Codia nei 100 farfalla in 52″25 (argento Rivolta), e infine la staffetta 4x100sl maschile. Per quanto riguarda gli altri azzurri, bronzo di Carlotta Toni in 4’41″43 nei nei 400 misti e argento di Filippo Megli nei 200 sl.

SECONDA GIORNATA

I risultati della seconda giornata non si possono non aprire parlando dello straordinario oro azzurro di Gregorio Paltrinieri nei 1500sl che ha chiuso in 14’46″25 in scioltezza. La medaglia d'argento è andata a un altro azzurro, Domenico Acerenza che ha nuotato in 14’55″44, nuovo personal best per lui.

I 100 stile li ha vinti a sorpresa Sahnoune (Algeria) in 48″00 davanti ai due azzurri Alessandro Miressi (48″56) e Luca Dotto (49″20). Gli altri 5 ori vinti dall'Italia sono quelli di Margherita Panziera nei 100 dorso in 1’00″74 (argento Scalia in 1’00″99), di Fabio Scozzoli nei 100 rana in 1’00″36 e di Federico Turrini nei 400 misti in 4’16″37, oltre alle due staffette: la 4x200sl uomini che ha vinto in 7’11″66 e la 4x100sl donne in 3’39″35.

Per quanto riguarda gli altri azzurri argento di Simone Sabbioni nei 100 dorso in 54″68, argento di Elena Di Liddo nei 50 farfalla in 26″21, bronzo per Piero Codia nei 50 farfalla in 23″74, per Arianna Castiglioni nei 100 rana in 1’07″35, per Linda Caponi in 2’00″02 nei 200sl, e infine per Anna Pirovano nei 200 misti.

TERZA GIORNATA

La XVIII Edizione dei Giochi del Mediterraneo si conclude, così come era iniziata, con un ricchissimo bottino di medaglie. La terza ed ultima giornata vede una rana azzurra stellare accaparrarsi entrambe le finali dei 50m: Fabio Scozzoli trionfa nei 50 rana al maschile in 25"75, e Arianna Castiglioni vince la finale al femminile in 31"07 (argento per Martina Carraro in 31"33). Doppio oro anche nei 200 dorso: Cristopher Ciccarese ha trionfato nella finale al maschile in 1’58″79, mentre Margherita Panziera ha vinto quella al femminile in 2’08″08.

Nei 400sl uomini una doppietta meravigliosa con l'oro di Gregorio Paltrinieri (in  3’46″29) e l'argento di Domenico Aceranza che in 3’47″50 la spunta per un solo centesimo sull'egiziano Elkmasch, nella stessa distanza al femminile oro anche per Simona Quadarella che ha trionfato in 4'05"68. Una vera e propria pioggia d'ori che è conclusa con la staffetta 4x100 mista femminile oro in 3’58″24, squalificata invece la staffetta maschile che aveva concluso al primo posto in 3’34″62.

Per quanto riguarda gli altri azzurri: argento per Berlincioni nei 200 farfalla (1’58″01) e bronzo per Alessia Polieri nella stessa distanza al femminile (2’08″46). Inoltre, oggi lo spettacolo si è arricchito grazie alle due finali di nuoto paralimpico: Stefano Raimondi ha trionfato nei 100sl S10 in 53"38, il bronzo è andato all'altro azzurro Riccardo Menciotti (55"94), mentre nella finale S10 al femminile ha vinto la medaglia d'argento l'azzurra Alessia Scortechini in 1'02"38 (sesta piazza per Xenia Palazzo).

L'unica nota negativa della giornata sono stati i 50sl: i califfi della velocità azzurri non sono riusciti a centrare il podio: niente da fare per Vergani e Dotto (quarti a parimerito in 23"13), e niente da fare per Raco e Ferraioli, che hanno concluso la finale al femminile rispettivamente al quinto e al settimo posto.

Fin dalle prime edizioni, l'Italia si è rivelata essere la principale protagonista dei Giochi del Mediterraneo: in ben 12 edizioni (sulle 17 complessive) ha vinto il medagliere, e attualmente guida il medagliere assoluto con un totale di ben 2147 medaglie (820 ori, 685 argenti e 642 bronzi) davanti a Francia (1641) e Spagna (1200) → SCOPRI DI PIÙ

APPASSIONATO DI NUOTO?

ABBONATI ALLA NOSTRA NEWSLETTER:
tante clorose notizie in arrivo!