18 febbraio 2016

Ci sono quelle notizie che in pochi secondi riescono a sconvolgere il mondo sportivo, come quella che ha dato la Federnuoto Olandese ieri mattina: “Inge Dekker ha interrotto i suoi allenamenti perché gli è stato diagnosticato un cancro!”, ma la campionessa di Assen non vuole dire addio a Rio!

Finisce così sotto choc il mondo del nuoto. Specializzata nella farfalla e nello stile libero, detiene due record mondiali in vasca corta (4×50 stile e 4×50 mista). 3 volte campionessa mondiale e vincitrice di 3 medaglie olimpiche, Inge Dekker è senza dubbio una delle punte di diamante della squadra di nuoto olandese.

50 racconti sul nuoto: il libro di nuotounostiledivita

Questo il commento di Inge, pubblicato sul sito della Federnuoto Olandese: “E’ sempre terribile quando ti danno questa notizia. Per 3 anni ho pensato solo alle Olimpiadi di Rio, e ora questo! Improvvisamente ogni problema sparisce, e ti accorgi come nella vita sia tutto relativo. Negli ultimi giorni ho cercato di assorbire la notizia, guardando al futuro con più fiducia. Guardo positivamente a come stanno le cose, ora lotterò per recuperare al meglio. L’importante è non lasciarsi andare, non farmi influenzare dalla negatività, e i giochi di Rio non sono ancora usciti dalla testa, non voglio dire addio al sogno olimpico!”

Tanto coraggio, tanta testa e tanto cuore. Una vincente dentro la vasca, che sta dimostrando di essere una grande campionessa anche fuori. In bocca al lupo da tutti noi di nuotounostiledivita, riuscirai a vincere anche questa gara, forza Inge, non mollare! Ti aspettiamo a RIO!

APPASSIONATO DI NUOTO?

ABBONATI ALLA NOSTRA NEWSLETTER:
tante clorose notizie in arrivo!

Profilo Autore

Redazione
Redazione
Siamo giovani ragazzi appassionati di nuoto, scrittura e social network. Raccontiamo il mondo acquatico in modo diverso e innovativo, con uno stile fresco e rivolto ai giovani.

Nati nel 2010, siamo cresciuti a piccoli passi, cercando ogni giorno di condividere con il maggior numero di persone le emozioni che il pianeta acqua ci fa vivere.

Il nostro intento è quello di far vedere che in Italia oltre ai palloni che corrono sui prati verdi e alle moto che girano sui circuiti ci sono anche tante storie che profumano di cloro.