TOKYO 2020: LE PRIME IMMAGINI DELLA PISCINA OLIMPICA

TOKYO 2020: LE PRIME IMMAGINI DELLA PISCINA OLIMPICA

0 Di Federico

Le gare di nuoto dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 si svolgeranno dal 25 luglio al 2 agosto presso il Centro acquatico Olimpico di Tokyo. Le finali che si svolgeranno la mattina (in Italia sarà notte fonda) e le batterie lungo il pomeriggio (come avvenne già in passato ai Giochi Olimpici di Pechino 2008, per garantire alla TV statunitense una miglior copertura televisiva) → programma completo

Piscina olimpica di Tokyo 2020

Nuoto, tuffi e nuoto sincronizzato si svolgeranno presso l'Olympic Aquatics Centre di Tokyo, situato nella zona della Baia, a sud-est del Villaggio. Con 15.000 posti a sedere, il costo complessivo della struttura è stato di oltre mezzo miliardo: 530 milioni di dollari USA per la precisione.

Negli scorsi giorni gli organizzatori di Tokyo 2020 hanno mostrato ad alcuni giornalisti l'interno del Tokyo Aquatics Center. Attualmente la struttura è completata al 90% e verrà portata definitivamente a termine entro febbraio 2020. Oltre l'1% delle aree con posti a sedere è stato riservato alle persone su sedia a rotella.

Link utili:

Tokyo 2020, cosa sapere
Programma gare



Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

FACEBOOK | INSTAGRAM | TELEGRAM


Road to Tokyo 2020

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
23 anni, una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho ancora capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, tra una lezione universitaria e una nuotata in piscina mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social. Spesso mi firmo con lo pseudonimo di Julian Carax (anche lui è scappato da qualcosa, in questo caso da un libro di Zafon).