NUOTO, TOKYO 2020: LE PREVISIONI NELLO STILE LIBERO 1

NUOTO, TOKYO 2020: LE PREVISIONI NELLO STILE LIBERO

19 Luglio 2021 Off Di Federico

Entrati ufficialmente nell'ultima settimana prima dell'inizio dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (le gare di nuoto inizieranno sabato), la nostra rubrica di avvicinamento all'appuntamento olimpico propone una serie di 5 articoli con le previsioni delle gare nei 4 stili e nei misti, usciranno un articolo al giorno, da oggi sino a venerdì, per iniziare a tuffarci in quello che sarà lo show olimpico del nuoto a Tokyo. Iniziamo con le gare a stile libero.


Sabato alle 12:00 inizieranno le batterie dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Cosa dobbiamo aspettarci dalle gare a stile libero? In primo luogo, grande novità rispetto alle precedenti edizioni è stata l'aggiunta di 2 gare: gli 800m sl maschili, e i 1500m sl femminili. Le gare individuali saranno complessivamente 30: 15 per gli uomini e 15 per le donne, è stata così raggiunta una simmetria totale tra quelle che sono le gare maschili e le gare femminili.

Veniamo quindi al tema di questo articolo: come saranno le gare a stile libero? Ecco un'overview e alcune previsioni sulle 6 gare a stile libero, in campo maschile e femminile. Per ogni gara è possibile consultare anche una scheda di approfondimento contenente l'ultimo podio olimpico e iridato, il record italiano, europeo e mondiale e alcuni cenni storici.


50 stile libero

Donne

Iniziamo dalla gara più veloce in campo femminile. Sarah Sjostrom ha il primo tempo di ingresso in 23"78, tempo nuotato ai campionati svedesi di Malmoe, nel luglio 2019. L'infortunio al gomito, tuttavia, ha certamente rallentato la sua preparazione.

I migliori tempi dell'anno sono quelli delle australiane Emma McKeon (23"93) e Cate Campbell (23"94), segue Ranomi Kromowidjojo che in 23"97 chiude il quartetto delle nuotatrici con un crono sotto i 24 secondi. Certamente da tenere in considerazione anche la campionessa mondiale in carica Simone Manuel che arriva con un 24"05, e la campionessa olimpica in carica, Pernille Blume iscritta con un crono di 24"06.

Sconto Dolcestilnuoto

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 30 luglio

Uomini

Per quanto riguarda il nuoto maschile, la gara non dovrebbe riservare grossi sorprese. Caeleb Dressel è in assoluto il favorito (21"04). Lo statunitense andrà a caccia dell'oro olimpico, ma anche del primato mondiale di Cesar Cielo che resiste da Roma 2009. Per le altre medaglie sfida aperta tra il russo Vladimir Morozov (21"27), il brasiliano Bruno Fratus (21"31), il britannico Benjamin Proud (21"42) e il greco Kristian Gkolomeev (21"45).

Sotto il muro del 21"50 anche lo statunitense Michael Andrew con il tempo di 21"48, in finale potrebbe essere una sorpresa. Difficile il lavoro per il francese Florent Manaudou, ma l'exploit dello scorso anno di Anthony Ervin ci ricorda che questa gara è assolutamente imprevedibile. In campo italiano ci saranno ai blocchi di partenza Alessandro Miressi e Lorenzo Zazzeri. Difficile riuscire ad andare in finale, ma l'ingresso alla semi è alla portata per entrambi gli azzurri.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 30 luglio


100 stile libero

Donne

La gara regina è come di consueto una delle gare in assoluto più attese. L'entry list dei 100sl donne vede l'assenza a sorpresa della campionessa olimpica e mondiale in carica Simone Manuel che durante i trials USA non è riuscita a conquistare il pass olimpico. A guidare il ranking mondiale sono così Cate Campbell (52"12) ed Emma McKeon (52"19), terzo tempo per Sarah Sjostrom (52"23), in una sfida accesissima e molto simile a quella nei 50sl.

Sotto i 53" anche la canadese Penny Oleksiak (52"89), campionessa olimpica in carica (a Rio 2016 fu pari-merito con Simone Manuel) e Siobhan Haughey con il tempo di 52"92. Per quanto riguarda le azzurre, scenderà in acqua Federica Pellegrini che andrà a caccia della semifinale. Le batterie saranno il giorno dopo rispetto alla finale dei 200sl, quindi tutto può succedere.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 28 luglio

Uomini

Come nei 50sl, così nella gara regina il nuotatore da tenere sotto controllo è lo statunitense Caeleb Dressel. Se è vero che il miglior tempo dell'anno è il 47"30 nuotato da David Popovici, è altresì vero che sarà pressoché impossibile, per il giovanissimo nuotatore rumeno, andare a caccia dell'oro olimpico. Dressel, campione mondiale in carica nei 100sl, ha un pb da 46"96, a soli 5 centesimi dal WR gommato di Cesar Cielo.

Una sfida di altissimo livello, con ben 9 nuotatori che hanno tempi sotto i 48". Da tenere in considerazione certamente Kyle Chalmers (47"08) e Kliment Kolesnikov (47"31), ma noi non possiamo non tifare per il nostro Alessandro Miressi: campione Europeo nel 2018 e vicecampione nel 2020, con il tempo di 47"45 ha tutte le chance per giocarsi un podio. In acqua per l'Italia anche Thomas Ceccon, l'azzurro ha un pb di 48"14, la semifinale è assolutamente alla portata e anche la finale non è troppo lontana (a Rio 2016 l'ultimo crono di accesso è stato il 48"23 di Marcelo Chierigini.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 27 luglio


200 stile libero

Donne

In assoluto una delle gare più attese per il nuoto azzurro. Federica Pellegrini arriva con al collo l'oro mondiale conquistato a Budapest 2017 e quello conquistato a Gwangju 2019. L'azzurra andrà a caccia di una medaglia olimpica, la terza della sua immensa carriera. La sfida sarà di altissimo livello con Ariarne Titmus che arriva con il primo tempo assoluto: 1'53"09, un crono spaziale, a un soffio dal WR della Divina nuotato a Roma 2009.

Tra le 30 partenti per la gara spiccano i tempi di Katie Ledecky (1'54"40), campionessa olimpica in carica nei 200sl (ha un densissimo programma di gare, quindi bisognerà vedere come arriverà a questi 200sl), della cinese Junxuan Yang (1'54"57) e della nuotatrice di HongKong Siobhan Haughey (1'54"89), saranno loro le big da tenere d'occhio. Grandi assenti Sarah Sjostrom, vicecampionessa olimpica e mondiale sulla distanza, e l'australiana Emma McKeon, bronzo olimpico a Rio 2016. Una gara che non andrà persa per nulla al mondo!

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 26 luglio

Uomini

Gara dal risultato quanto mai incerto, il miglior tempo d'iscrizione è quello del lituano Danas Rapsys (1'44"38). Tra i migliori 3 i due britannici Duncan Scott (1'44"47 - bronzo pari-merito ai mondiali di Gwangju 2019) e Tom Dean (1'44"58). Quarto e quinto tempo per il nipponico Katsuhiro Matsumoto (1'44"65 - argento ai mondiali di Gwangju 2019) e il russo Martin Malyutin (1'44"79 - bronzo pari-merito ai mondiali di Gwangju 2019)

Per quanto riguarda il nuoto azzurro, in acqua Stefano Ballo (1'46"76) e Stefano di Cola (1'46"84): difficile ma certamente non impossibile centrare la qualificazione per le semifinali. Sui blocchetti di partenza non ci sarà invece il campione mondiale e olimpico in carica Sun Yang, assente anche Chad le Clos, argento a Rio 2016.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 25 luglio


400 stile libero

Donne

A guidare il ranking mondiale, così come per i 200 stile libero, l'australiana Ariarne Titmus, con il tempo di 3'56"90. Dato che i 400sl donne apriranno le danze per lo stile libero femminile a Tokyo 2020, questa sarà una gara molto interessante da seguire per vedere la forma di Ariarne Titmus e della regina dello stile libero degli ultimi anni: Katie Ledecky. La statunitense arriva con il secondo tempo assoluto: 3'59"25, ma è probabile che a Tokyo cercherà di replicare l'impresa incredibile di Rio 2016, quindi c'è da aspettarsi che i tempi nuotati ai Trials verranno polverizzati.

Per quanto riguarda le altre partenti, occhi puntati sulla nostra Simona Quadarella, la campionessa europea in carica sulla distanza risulta iscritta nei 400sl, ma è probabile che verranno nuotati più come riscaldamento per le gare successive che non per la conquista del podio... eppure, non sarebbe un'impresa impossibile. L'azzurra, iscritta con 4'04"66, dovrebbe battagliare con la magiara Ajna Kesely (4'01"31), la cinese LI Bingjie (4'02"36), l'australiana Tamsin Cook (4'04"10) la russa Anna Egorova (4'04"10). La finale è assolutamente alla portata, poi tutto può succedere.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 25 luglio

Uomini

In assoluto la prima gara a stile libero di questi Giochi Olimpici, le batterie dei 400sl uomini si svolgeranno già nella giornata di apertura di Tokyo 2020. Il miglior crono di accesso è quello dell'australiano Elijah Wellington (3'42"65), ma subito alle sue spalle c'è l'azzurro Gabriele Detti con il tempo di 3'43"23. Detti è il bronzo olimpico e mondiale sulla distanza, e saranno assenti sia Mack Horton sia Sun Yang rispettivamente campione olimpico a Rio 2016 e campione mondiale a Gwangju 2019.

Osservando le entry list, occhi puntati anche su Jack McLoughlin (3'43"27), Danas Rapsys (3'43"36) e Martin Malyutin (3"44"18). Per i colori azzurri ci sarà anche Marco De Tullio iscritto con un ottimo 3'44"74, per lui finale assolutamente alla portata. Insomma, i 400sl cercano un nuovo re, e l'Italia è pronta a contendersi lo scettro.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 24 luglio


800 stile libero

Donne

Prima nel ranking mondiale della distanza è la campionessa olimpica e iridata in carica, Katie Ledecky. La statunitense sembra essere inavvicinabile negli 800sl: 8'10"70 il suo crono, oltre 3,50 secondi meglio di qualsiasi altra avversaria. Eppure, non possiamo parlare degli 800sl senza parlare di Simona Quadarella. L'azzurra, già argento a Gwangju 2019, arriva da due vittorie continentali sulla distanza e ha tutte le carte in regola per lottare per una medaglia olimpica. Il suo tempo di iscrizione, 8'14"99, è a soli 35 centesimi dal tempo della cinese Jianjiahe Wang, seconda nel ranking olimpico.

Ledecky, Quadarella e Wang sono le uniche 3 sotto il muro degli 8 minuti e 15 secondi. A seguire ci sono l'australiana Ariarne Titmus (8'15"57) e la tedesca Sarah Kohler (8'16"43). Le batterie sono in programma per il 29 luglio, il giorno dopo rispetto alla finale dei 1500sl e la finale sarà il 31, penultimo giorno di gare. Ariarne Titmus avrà già gareggiato nei 200sl e nei 400sl, Katie Ledecky anche nei 1500sl, sarà curioso vedere come in quale condizione arriveranno le atlete. Per il nuoto azzurro in acqua a Martina Caramignoli (8'24"16), difficile ma non impossibile entrare tra le migliori otto per giocarsi la finale.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 29 luglio

Uomini

Gli 800 stile libero uomini saranno la prima gara olimpica di Gregorio Paltrinieri, e saranno un vero e proprio banco di prova per verificare lo stato di forma dell'azzurro dopo la mononucleosi che ha avuto nelle scorse settimane. Suo il primo crono nel ranking mondiale in 7'39"27. Secondo tempo per Henrik Christiansen in 7'41"28, seguono David Aubry in 7'42"08, Mykhailo Romanchuk in 7'42"49, Jack McLoughlin in 7'42"51 e Florian Wellbrock in 7'43"03.

Settimo tempo assoluto per Gabriele Detti. L'azzurro arriva con un crono da 7'43"83, un tempo da finale ma per conquistare il podio sarà necessaria quella prestazione di altissimo livello che gli ha permesso a Budapest 2017 di raggiungere il tetto del mondo.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 27 luglio


1500 stile libero

Donne

A Tokyo 2020, per la prima volta nella storia olimpica, si svolgeranno i 1500 stile libero donne. Il primo tempo è quello della regina Katy Ledecky con un crono (15'29"51) che è 11 secondi migliore di chiunque altra. Salvo imprevisti, per il gradino più alto del podio non ci sarà storia. Prima delle avversarie l'azzurra Simona Quadarella con il tempo di 15'40"89, l'azzurra arriva a Tokyo da campionessa olimpica in carica, sarà una sfida stellare e andrà a caccia della prima medaglia olimpica.

Sotto i 15 minuti e 50 secondi anche la cinese Jianjiahe Wang (15'45"59), l'australiana Maddy Gough (15'46"13) e la tedesca Sarah Kohler (15'48"83). Ai blocchetti di partenza anche Martina Caramignoli, suo il decimo tempo di qualificazione in 15'56"06, l'obiettivo è quello di conquistare la finale, l'ingresso tra le top8 non è impossibile.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 26 luglio

Uomini

In programma alla fine della settimana di gare in vasca, i 1500sl al maschile vedono al primo posto nel ranking mondiale Gregorio Paltrinieri con il crono di 14'33"10. Come anticipato, sarà importante vedere lo stato di forma dell'azzurro durante gli 800sl, prima di poter fare progetti sui 1500sl. L'obiettivo è ovviamente quello di difendere il titolo conquistato a Rio 2016.

Florian Wellbrock (14'36"45) e Mykhailo Romanchuk (14'37"63), rispettivamente oro e argento durante l'ultima finale iridata, saranno i principali avversari per Greg. A seguire il norvegese Henrik Christiansen (14'45"35) e lo statunitense Robert Finke (14'46"06). Per il nuoto azzurro ci sarà anche Domenico Acerenza che in 14'49"98 ha il decimo tempo assoluto: l'obiettivo sarà conquistare la finale, poi tutto può succedere.

Per approfondire: SCHEDA GARA | in programma il 30 luglio


Tutto su Tokyo 2020

Le gare di nuoto in vasca si svolgeranno presso il Tokyo Aquatics Centre tra il 24 luglio e l'1 agosto. Le batterie si svolgeranno tra le 19:00 e le 21:30 ora locale, in Italia inizieranno alle 12 di mattina. Le finali verranno disputate quando in Giappone è mattino (10:30 a Tokyo), mentre in Italia sarà notte fonda: inizio della sessione alle 3:30 di notte e chiusura intorno alle 6:00 di mattina.


Resta connesso

Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

FACEBOOK
INSTAGRAM
TELEGRAM


Road to Tokyo 2020

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
Una laurea Magistrale in Filosofia presso l'Università di Pavia, un'innata passione per la scrittura, la comunicazione e i social network. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). No, dopo 5 anni di università non ho capito se sia peggio Kant o un 400 misti.