BUDAPEST 2022, RISULTATI BATTERIE #DAY8 1

BUDAPEST 2022, RISULTATI BATTERIE #DAY8

25 Giugno 2022 Off Di Marta

Siamo giungi all'ottava e ultima giornata di gare di nuoto ai Campionati mondiali di Budapest 2022. 4x100 mista maschile e 4x100 mista femminile conquistano la finale di oggi pomeriggio. Di seguito il recap delle batterie #Day8 - sabato 25 giugno - e tutti i risultati degli azzurri.


RISULTATI BATTERIE

La vasca di Budapest ha visto solo tre gare oggi, di cui solo una senza italiani. La presenza tricolore si avverte nelle staffette: entrambe volano in finale e promettono di dar spettacolo.

La 4x100 mista maschile è tornata su alti livelli. Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Piero Codia e Lorenzo Zazzeri hanno il terzo tempo assoluto e stasera proveranno a fare qualcosa di grande.

La stessa staffetta al femminile è quinta al mondo, per il momento. Silvia Scalia, Arianna Castiglioni, Elena Di Liddo e Silvia Di Pietro staccano un pass per nulla scontato e regalano all'Italia un'altra finale.  Appuntamento alle 18:00 per sognare un'ultima volta.

A seguire i risultati principali di questa mattina, gara per gara.


400 misti donne

  • Record del mondo: 4'26"36
  • Record europeo: 4'26"36
  • Record italiano: 4'34"34

Le batterie dei 400 misti vengono vinte dalla canadese Summer Mcintosh che chiude in 4'36"15 davanti alla statunitense Katie Grimes (4'36"68). In finale anche la primatista mondiale Katinka Hosszu in 4'39"15. Questa sera in finale troveremo Mcintosh, Grimes, Weyant, Ge, Hosszu, Ohashi, Forrester e Tanigawa.


4×100 mista uomini - Italia (tbd)

  • Record del mondo: 3'26"78
  • Record europeo: 3'27"51
  • Record italiano: 3'29"17

Buona prestazione da parte di Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Piero Codia e Lorenzo Zazzeri. Gli azzurri timbrano complessivamente in 3'33'02, dietro agli Stati Uniti. Il tempo li proietta in finale con il terzo tempo. Tutte le otto migliori staffette sono racchiuse in una manciata di secondi, quindi i giochi per le posizioni che contano sono aperti. E l'Italia, che stasera cambierà i frazionisti del delfino e dello stile, ha grandi ambizioni. Le migliori 8: Stati Uniti, Francia, Italia, Australia, Gran Bretagna, Cina, Germania e Austria.


4×100 mista donne - Italia (tbd)

  • Record del mondo: 3'50"40
  • Record europeo: 3'53"38
  • Record italiano: 3'55"79

Anche la staffetta al femminile si comporta bene. Un'altra finale conquistata grazie a Silvia Scalia, Arianna Castiglioni, Elena Di Liddo e Silvia Di Pietro. Scalia è un po' sottotono in mattinata, ma le sue compagne di squadra riescono a risollevare la prestazione e conquistano il quinto posto assoluto in classifica. Il tempo con cui chiudono le azzurre è 3'59"40, che vale la terza posizione in batteria, dietro ad Australia e Canada.

Questa sera avranno la possibilità di salire sul podio: Australia, Olanda, Svezia, Canada, Italia, Cina, Stati Uniti e Francia.


Appuntamento questa sera alle 18:00 per le finali dell'ultimo giorno di gare.


Tutto su Budapest 2022

#Budapest2022: il programma iridato prevede la partecipazione di nuoto, nuoto di fondo, nuoto sincronizzato, pallanuoto, tuffi. A seguire alcuni link utili per vivere al meglio la XIX edizione dei Campionati mondiali di nuoto FINA:


I calendari delle singole discipline:


Segui il grande nuoto con noi

Per rimanere sempre aggiornato sul nuoto mondiale e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

→ FACEBOOK
 INSTAGRAM
→ TELEGRAM


Appassionato di nuoto?

→ ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Marta
Marta
18 anni, studentessa liceale all'ultimo anno. Sei anni di nuoto alle spalle, ora si dedica solo alla palestra. Sogna un futuro da giornalista. Quando non si dispera per aver deciso di iscriversi al liceo scientifico legge o guarda film, sopratutto thriller mentre odia quelli romantici troppo sdolcinati. Se si diploma, dopo frequenterà l'università di scienze della comunicazione. Non vede l'ora di abbandonare per sempre la matematica e di dimostrare che non serve essere raccomandati o particolarmente belli per avere successo.