SWIM REWIND, 2 AGOSTO: IL BRONZO DELLA 4X100sl A KAZAN

SWIM REWIND, 2 AGOSTO: IL BRONZO DELLA 4X100sl A KAZAN

2 Agosto 2020 Off Di Federico

#SwimRewind 13/30. 11 anni fa si concludeva il mondiale romano che nell'ultima giornata ci regalava l'oro di due campionesse che proprio al foro italico iniziavano un lungo cammino che le avrebbe portate a entrare nell'olimpo del nuoto mondiale: Katinka Hosszu e Yuliya Efimova. 5 anni fa a Kazan il bronzo della 4x100sl maschile composta da Luca Dotto, Marco Orsi, Michele Santucci e Filippo Magnini. Ecco il rewind dei passati due agosto:


2 agosto 2009, Roma

11 anni fa come oggi si svolgeva l'ultima giornata del Campionato Mondiale di Roma 2009. Le finali dei 400 misti incoronavano Katinka Hosszu (4'30"31, nuovo record dei campionati) e Ryan Lochte (4'07"01) campioni iridati della distanza, la magiara davanti a Kirsty Coventry e Stephanie Rice, lo statunitense davanti a Scott Tyler Clary e Laszlo Cseh.

I 1500sl vedevano l'oro di Oussama Mellouli in 14'37"28 (nuovo record africano) che vinceva in fuga su Ryan Cochrane e Sun Yang. L'azzurro Federico Colbertaldo chiudeva al quarto posto a meno di 1.5 secondi dal podio iridato (14'48"28, nuovo record nazionale.

Nelle gare veloci la tedesca Britta Steffen vinceva i 50sl in 23"73, nuovo record mondiale, davanti a Therese Alshammar, argento e al bronzo ex aequo tra Cate Campbell e Magdalena Veldhuis. Nei 50 rana vinceva Yuliya Efimova che in 30"09 stabiliva il nuovo WR, l'argento veniva vinto da Rebecca Soni (a soli due centesimi dalla russa) mentre Sarah Katsoulis chiudeva terza. I 50 dorso uomini venivano vinti da Liam Tancock in 24"04, record mondiale anche per lui, argento per Junya Koga, bronzo per Gerhard Zandberg.

Conclusa l'ultima finale, erano ormai ben 43 record nuovi record del mondo nuotati al foro italico, quando su Roma 2009 calava il sipario, l'Italia chiudeva con un quinto posto nel medagliere stravinto dagli USA, e le migliaia di atleti giunti a Roma cominciarono progressivamente a rientrare nei propri paese. Alcuni con una medaglia al collo, altri con un nuovo sogno sotto la cuffia. Si concludeva così un mondiale come tanti, che passerà alla storia come pochi.


2 agosto 2012, Londra

Volando avanti di 3 anni ci tuffiamo nell'atmosfera olimpica del London Acquatic Center dove si svolgeva la sesta giornata di gare per il nuoto in vasca. Michael Phelps trionfava nei 200 misti in 1'54"27 davanti a Ryan Lochte e László Cseh, Tyler Clary vinceva i 200 dorso in 1'53"41 4 (nuovo record olimpico) davanti a Ryōsuke Irie e Ryan Lochte. Ranomi Kromowidjojo trionfava nella gara regina al femminile mentre Rebecca Soni vinceva i 200 rana, stabilendo il nuovo record mondiale sulla distanza in 2'19"59.


2 agosto 2013, Barcellona

Un anno esatto dopo, a Barcellona, si svolgeva la sesta giornata di gare dei Campionati Mondiali di nuoto 2013. L'australiana Cate Campbell in 52"34 vinceva la finale della gara regina davanti a Sarah Sjöström e Ranomi Kromowidjojo, lo statunitense Ryan Lochte vinceva la finale dei 200 dorso davanti a Radosław Kawęcki e Tyler Clary.

I 200 rana al femminile vedevano la vittoria di Yuliya Efimova in 2'19"41, davanti a Rikke Møller Pedersen e Micah Lawrence. I 200 rana se li aggiudicava Dàniel Gyurta in 2'07"23 davanti a Marco Koch e Matti Mattson, gli USA trionfavano nella 4x200sl davanti a Russia e Cina.


2 agosto 2015, Kazan

Voliamo quindi a Kazan dove 5 anni fa come oggi iniziavano le gare di nuoto della XVI edizione dei Campionati Mondiali di nuoto FINA. La prima giornata di gare regalava lo storico bronzo iridato vinto dalla 4x100sl maschile composta da Luca Dotto, Marco Orsi, Michele Santucci e Filippo Magnini. Gli azzurri chiudevano in 3'12"53 dietro a Russia e Francia.

Nella stessa giornata Sun Yang vinceva i 400sl uomini in 3'42"58 davanti a James Guy e Ryan Cochrane mentre nei 400sl al femminile era Katie Ledecky a vincere l'oro in 3'59"13 (nuovo record dei campionati) davanti a Sharon van Rouwendaal e Jessica Ashwood. Il team australiano vinceva la 4x100sl femminile davanti a Paesi Bassi e USA.


Swim Rewind

In questa estate molto particolare abbiamo deciso di riavvolgere il nastro: dal 21 luglio al 21 agosto vivremo così una specie di manifestazione virtuale lunga 30 giorni, in cui andremo a raccontare le finali più straordinarie di Pechino 2008, Roma 2009, Shanghai 2011, Londra 2012, Barcellona 2013, Kazan 2015, Rio 2016, Budapest 2017 e Gwangju 2019. Una serie di 30 articoli in cui racconteremo 3 Olimpiadi e 6 rassegne iridate, per un complessivo di quasi 400 gare... Coming soon:

→ 6 agosto 2016, iniziavano i Giochi Olimpici di Rio
→ 9 agosto 2008, iniziavano i Giochi Olimpici di Pechino
→ appuntamento a domani per il prossimo rewind


Resta connesso

Per seguire le prossime puntate di Swim Rewind o per ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

FACEBOOK
INSTAGRAM
TELEGRAM


Continua a seguire Swim Rewind

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
Una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato dalle gare per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, mi sono laureato nel corso magistrale di Filosofia teoretica a Pavia e ora lavoro in una scaleup tecnologica italiana con sede a Pavia. Così, tra un json e una nuotata in piscina, mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social.