L'OMAGGIO DELLE BIG A FEDERICA PELLEGRINI #grazieFede 1

L'OMAGGIO DELLE BIG A FEDERICA PELLEGRINI #grazieFede

30 Novembre 2021 Off Di Sara

Nella giornata dedicata alla Divina del nuoto azzurro, Federica Pellegrini, il mondo del nuoto italiano dedica il più grande e bello degli omaggi. Sotto l'hashtag #Fededay, tutto il mondo del nuoto ricorda l'atleta che, per un ventennio, ha onorato uno Sport e fatto vivere di emozioni un'intera generazione di appassionati.

In acqua con lei le più grandi atlete del presente e del passato di Federica, quelle rivali che negli anni l'hanno sfidata, incoraggiata, aiutata, amata e onorata. Dal lontano 2004 e dalla rivale Camelia Potec fino ai giorni nostri con chi prima la ha adorata e poi sfidata, Sarah Sjostrom.

Un filo di donne, atlete e ragazze che unisce gli ultimi vent'anni della carriera di colei che fu, e sempre sarà, la più grande nuotatrice italiana: Federica Pellegrini.


CAMELIA POTEC

Era l'agosto 2004 quando, all'Atens Olympic Aquatic Centre, una giovanissima - appena sedicenne - Federica Pellegrini vinceva l'argento olimpico nei 200 stile libero. Una gara immensa, di cui tutto il pubblico rimase senza fiato, una gara da cardiopalma fino all'ultimo secondo.

Poco meno di due minuti che si conclusero nella maniera più bizzarra che solo il nuoto conosce: dalla vasca laterale, una scatenata Camelia Potec risale rapidamente, sfilando dal collo della Divina la medaglia più preziosa.

Per molti, quella fu una sconfitta - o un'amara vittoria - per Federica Pellegrini; la storia rivela che non fu che il primo passo verso una carriera tutta da coronare.


SARA ISAKOVIC

Era il 13 agosto 2008 quando, nella vasca di Pechino, Federica Pellegrini vinceva l'oro olimpico nei 200 stile libero, siglando anche il nuovo Record del Mondo e  diventando la prima nuotatrice italiana a vincere un oro alle Olimpiadi.

Alle sue spalle, Sara Isakovic, croata e grande rivale della Pellegrini, argento per soli 15 centesimi.


FEMKE HEMSKEERK

Da sempre considerata la rivale più accanita di Federica Pellegrini, è sempre stata -in realtà- l'amica - nemica della Divina. Un'amicizia nata agli albori della carriera delle due ragazze, coetanee e specializzate nelle medesime distanze, e che pian piano si è trasformata in un rapporto di profonda stima e sostegno.

Dal palcoscenico europeo a quello mondiale, la Hemskeerk ha sempre provato a battere la beniamina dei 200 stile libero, mai riuscendoci.

Oggi, quasi vent'anni dopo, le due si ritrovano unite dal medesimo destino: il loro saluto al nuoto internazionale avviene nello stesso periodo, unite come sempre.


SARAH SJOSTROM

Il legame tra Federica Pellegrini e Sarah Sjostrom si arricchisce con la storia dell'infanzia della stessa Sjostrom. Era l'agosto 2009 quando, al Foro Italico di Roma, Sarah Sjostrom vinceva il suo primo titolo mondiale: nella piscina più bella del mondo, nel Mondiale più iconico nella storia di questo sport, una giovanissima Sarah Sjostrom trionfava nei 100 farfalla.

In quella stessa vasca, Federica Pellegrini segnava una delle pagine più importanti della storia del nuoto mondiale, andando a siglare un Record che vive ancora oggi. Pochi lo sanno, ma Sarah Sjostrom ha sempre raccontato di essere stata, da piccola, una grande fan della Divina e di essersi ispirata a lei sin da subito.


CAMILLE MUFFAT

La cuffia rosa in ricordo di Camille Muffat viene delicatamente appoggiata sul blocchetto di partenza della vasca di Riccione. Colei che fu vice- Campionessa olimpica nei 200 stile libero nel 2012, nella gara che più segnò la carriera di Federica Pellegrini in negativo, ora non c'è più.

A stroncare la vita della francese, a soli 25 anni, un tragico incidente aereo in Argentina il 9 marzo 2015, ma da quel giorno il ricordo della Muffat non si è mai spento. Grazie alla compagna di squadra Charlotte Bonnet e alla stessa Pellegrini, il ricordo della grandissima Campionessa francese, tre volte medaglia olimpica nel 2012, rimane più vivo che mai.


ALICE MIZZAU

Era il 6 agosto 2015 quando, alla Kazan Arena, una straripante e agguerrita 4x200 stile libero femminile conquistava il secondo gradino del podio iridato. Nelle quattro frazioni, Erika Musso; Chiara Masini Luccetti, Federica Pellegrini ed Alice Mizzau.

Grandi amiche e grandi compagne di Nazionale, Federica e Alice sono progressivamente cresciute assieme, spronandosi a dare il meglio. Alle spalle delle due atlete, una vita fatta di trasferte, staffette, gare, sorrisi ed emozioni, sempre vissuti assieme.


EVELYN VERRASZTO

Simbolo del nuoto ungherese, al quale l'Italia è sempre stato molto legato, Evelyn Verraszto è assieme a Femke Hemskeerk l'atleta che maggiormente ha influenzato la carriera di Federica Pellegrini. La magia che unisce le due ragazze arriva fino ad oggi quando, molti anni dopo, Federica Pellegrini - capitana della squadra degli Aqua Centurions - la sceglie nella sua squadra.


THE LAST DANCE

L'ultimo atto, the last dance. Subito dopo gli ultimi 200 stile libero della carriera della Divina, le 7 ragazze raggiungono il blocchetto di partenza per una nuova gara. Si tuffano in acqua, sorridono, sguazzano qua e la e si abbracciano. Tutto il mondo abbraccia la padrona dei 200 stile libero.

17 anni di nuoto, amore e passione. 17 anni di lacrime, gioia, commozione e palpitazioni. 17 anni nei quali siamo cresciuti con te, ti abbiamo sostenuto, ci siamo alzati dai divani di casa scalpitando per te. 17 anni che si riassumono cosi:

#grazieFede 


La Divina del nuoto azzurro

Federica Pellegrini ha realizzato ben 11 volte il record del mondo (6 nei 200 stile libero in vasca lunga, 3 nei 400 stile libero in vasca lunga, 2 nei 200 stile libero in vasca corta), il suo palmares vanta 26 ori internazionali, 3 medaglie olimpiche, 19 medaglie mondiali, 37 medaglie europee.

È senza dubbio la più forte duecentista della storia del nuoto e la più grande nuotatrice italiana di sempre. Lei è Federica Pellegrini, lei è la Divina, lei è la fenice, capace di vincere la prima medaglia olimpica a soli 16 anni, capace di risorgere dalle ceneri di Londra, capace di abbassare per ben 11 volte quel limite che divide gli uomini dalle leggende chiamato dai comuni mortali record del mondo.

Palmarès e primati di Federica Pellegrini
Frasi e aforismi di Federica Pellegrini
Biografia di Federica Pellegrini


Resta connesso

Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

→ FACEBOOK
 INSTAGRAM
 TELEGRAM


Appassionato di nuoto?

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Sara
Sara
Laureata in Scienze Linguistiche, è entrata in piscina per la prima volta alla tenera età di 3 anni e da quel momento non se n'è più andata. Aspirante giornalista e intervistatrice per diletto, le piace parlare (dicono sia anche logorroica) e vivere di emozioni. Lo Sport è così importante che ha scelto un Master in Sport Digital Marketing & Communication.