SWIM REWIND, 25 LUGLIO: SCOZZOLI D'ARGENTO A SHANGHAI

SWIM REWIND, 25 LUGLIO: SCOZZOLI D'ARGENTO A SHANGHAI

25 Luglio 2020 Off Di Federico

#SwimRewind 5/30. 9 anni fa come oggi il bellissimo argento iridato di Fabio Scozzoli nei 100 rana vinto a Shanghai dietro al compianto Dale Oen. Tre anni fa il bellissimo bronzo di Simona Quadarella nei 1500sl, la sua prima medaglia iridata alla prima finale mondiale. Ecco il rewind delle finali più incredibili vissute negli scorsi 25 luglio.


25 luglio 2011, Shanghai

9 anni fa, ai Campionati Mondiali di Shanghai 2011, si svolgeva la finale dei 100 rana. Fabio Scozzoli conquistava una bellissima medaglia d'argento in 59"42 che gli valeva il nuovo record nazionale sulla distanza. A soli 7 centesimi il sudafricano Cameron van der Burgh vinceva la medaglia di bronzo. A conquistare il titolo mondiale era Alexander Dale Oen, 26 anni, norvegese. La medaglia di Dale Oen arrivava a pochi giorni di distanza dalla strage di Utoya e Dale Oen decideva di dedicare la vittoria alle vittime della strage e ai loro familiari... l'oro di Shanghai sarebbe stata l'ultimo oro iridato di Dale Oen, che se ne andò per un arresto cardiaco il 30 aprile dell'anno successivo.

SWIM REWIND, 25 LUGLIO: SCOZZOLI D'ARGENTO A SHANGHAI 6

Dale Oen al termine della finale mondiale di Shanghai


25 luglio 2017, Budapest

Volando avanti di 6 anni e spostandoci a Budapest, Simona Quadarella vinceva uno straordinario Bronzo nei 1500sl. Brividi, lacrime e una gioia incontenibile. Simona saliva sul podio dei 1500 stile al femminile, a soli 18 anni, alla sua prima finale mondiale, un bronzo che la proiettava subito tra le più grandi del mezzofondo. 15'53"86 il tempo nuotato dalla giovane romana nella finale vinta da Katie Ledecky davanti a Mireira Belmonte Garcia.

Nella stessa giornata la canadese Masse in 58"10 fissava il nuovo record mondiale nei 100 dorso e diventava campionessa mondiale sulla distanza davanti a Kathleen Baker ed Emily Seebohm. Federica Pellegrini, Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri conquistavano le rispettive finali, nei 200sl e negli 800sl.


25 luglio 2019, Gwangju

Un altro salto in avanti e arriviamo al Nambu Acquatic Center di Gwangju dove un anno fa si concludeva la quinta giornata di gare per il nuoto in vasca. Il giapponese Daiya Seto vinceva in 1'56"14 la finale dei 200 misti al maschile, Olivia Smoliga vinceva la finale dei 50 dorso 27"33 davanti alla brasiliana Etiene Medeiros che era la campionessa in carica. Matthew Wilson eguagliava il Record del Mondo di Ippei Watanabe nelle semifinali dei 200 rana.

Caeleb Dressel volava letteralmente e vinceva il titolo iridato nei 100sl con un crono a pochissimi centesimi dal record del mondo di Cesar Cielo, targato Roma 2009. Caeleb Dressel diventava così l'uomo più veloce dopo l'era dei costumoni: il primo a scendere sotto il muro dei 47" con un costume in tessuto: 46"96 il suo crono stratosferico.


Swim Rewind

In questa estate molto particolare abbiamo deciso di riavvolgere il nastro: dal 21 luglio al 21 agosto vivremo così una specie di manifestazione virtuale lunga 30 giorni, in cui andremo a raccontare le finali più straordinarie di Pechino 2008, Roma 2009, Shanghai 2011, Londra 2012, Barcellona 2013, Kazan 2015, Rio 2016, Budapest 2017 e Gwangju 2019. Una serie di 30 articoli in cui racconteremo 3 Olimpiadi e 6 rassegne iridate, per un complessivo di quasi 400 gare... Coming soon:

26 luglio 2009, iniziavano i mondiali di Roma
→ 28 luglio 2012, iniziavano i Giochi Olimpici di Londra
→ 28 luglio 2013, iniziavano i Campionati Mondiali di Barcellona
→ appuntamento a domani per il prossimo rewind


Resta connesso

Per seguire le prossime puntate di Swim Rewind o per ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

FACEBOOK
INSTAGRAM
TELEGRAM


Continua a seguire Swim Rewind

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
Una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato dalle gare per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, mi sono laureato nel corso magistrale di Filosofia teoretica a Pavia e ora lavoro in una scaleup tecnologica italiana con sede a Pavia. Così, tra un json e una nuotata in piscina, mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social.