LETTERA A TANIA

28 luglio 2015

Cara Tania, ci sono atleti che sembrano robot, che conquistano con apparente semplicità grandi risultati, che salgono su quel podio come se andassero al parco. Poi ci sono atleti come te, atleti che non si sono mai arresi, che hanno lottato e hanno dato tutto allo sport. Atleti che salendo sul blocco non riescono a trattenere le lacrime, perché finalmente dopo anni di duro lavoro tutti i sacrifici e tutti gli allenamenti hanno ricevuto la giusta ricompensa, perché finalmente sono sul tetto del mondo.

Cara Tania, oggi ci hai dato molto di più che una semplice medaglia d'oro: ci hai insegnato che non bisogna mai arrendersi, non quando vedi sfumare la medaglia olimpica per una manciata di punti, non quando perdi l'oro mondiale per votazioni discutibili. Ci hai insegnato che bisogna sempre continuare a lottare e a inseguire i propri sogni. Oggi, cara Tania, ancora una volta ci hai fatto sognare e con te ci siamo commossi vedendoti salire sul gradino più alto.

Grazie di cuore per tutto questo,
sei un esempio da seguire.