DA ROSOLINO A PALTRINIERI, I FENOMENI DEL NUOTO ITALIANO

DA ROSOLINO A PALTRINIERI, I FENOMENI DEL NUOTO ITALIANO

0 Di nuotounostiledivita

In Italia la tradizione del nuoto è sempre stata tra le più preponderanti a livello sportivo, data la storia del Paese molto legata all'acqua. Una delle discipline sportive più antiche di sempre, dove la capacità di andare oltre i propri limiti risulta decisiva, il nuoto ha avuto grandi rappresentanti italiani a livello mondiale, come dimostrano i talenti forgiati nelle ultime due generazioni.

Prendendo in considerazione il nuovo millennio, possiamo citare una serie di nuotatori nostrani che hanno fatto la storia attraverso prestazioni uniche, arrivando a competere con dei fenomeni assoluti provenienti da scuole molto più attrezzate e con molti più atleti federati.



In questo excursus di grandi nuotatori azzurri, la partenza d'obbligo è proprio quella delle olimpiadi di Sidney 2000. In quell'occasione la grande impresa fu messa a segno dal napoletano Massimiliano Rosolino, capace di vincere la prova dei 200 metri misti stabilendo anche il record olimpico, il tutto nella patria di sua madre Carolyn. Cresciuto nella Canottieri Napoli, una delle migliori scuole di nuoto e pallanuoto d'Italia, Rosolino visse un'Olimpiade storica in quel di Sidney, conquistando anche un argento (contro un certo Ian Thorpe) e un bronzo.

Dopo lo squalo napoletano, ecco che invece arrivava il delfino pesarese. Stiamo parlando di Filippo Magnini, forse il velocista più talentuoso e concreto della storia del nuoto italiano. Esploso tra due Olimpiadi, Magno conquistò l'oro ai mondiali del 2005 e del 2007, nonostante poi ai giochi olimpici di Pechino non riuscì ad andare oltre il quarto posto, una grande delusione personale e della federazione.



Ancora oggi, mentre si giocano i mondiali di nuoto di Gwangjiu in Corea del Sud, trasmessi in chiaro dalla Rai e su cui gli appassionati possono puntare attraverso le scommesse live di Betfair, l'Italia del nuoto rimpiange un velocista come Magnini, il quale sta scontando adesso una squalifica per doping. A metà degli anni 2000, tuttavia, erano le ragazze a dare le principali gioie al nuoto italiano, con Alessia Filippi e soprattutto Federica Pellegrini a imporsi a livello mondiale.

Quest'ultima, talento innato per lo stile libero, trionfò nei 200 stile libero alle Olimpiadi di Pechino, mettendo tra l'altro a segno un record storico che lei stessa avrebbe provveduto a migliorare l'anno dopo ai campionati mondiali di Roma, dove fu la regina assoluta. Dopo essere stata insignita del collare d'oro al merito sportivo della Repubblica Italiana nel 2017, la Pellegrini continua a far parlare di sé in piscina ed è diventata ormai un simbolo dello sport all'italiana.

L'ultimo grande prodotto del nuoto azzurro a livello mondiale è senza dubbio Gregorio Paltrinieri, nato a Carpi nel 1994. Specialista nel mezzofondo, Paltrinieri è la grande speranza della spedizione italiana pronta a recarsi a Tokyo l'anno prossimo per le Olimpiadi. Oro nella categoria dei 1500 stile libero agli Europei di Londra del 2016 e ai mondiali di Budapest del 2017, Greg rappresenta perfettamente gli ideali del sacrificio e della dedizione al lavoro. Su di lui pendono molte delle speranze del presente e del futuro del nuoto italiano, la cui tradizione vuole continuare a vivere di trionfi.

Profilo Autore

nuotounostiledivita
nuotounostiledivita
“nuoto uno stile di vita” nasce nel 2010 grazie all'idea di due giovanissimi nuotatori (allora quindicenni) di condividere online la propria passione per il nuoto. Attraverso news, articoli, aforismi, foto, video e poesie, cerchiamo di offrirvi tutto quello che desiderate leggere sul mondo degli sport acquatici.