CHE COS'È LA MOTIVAZIONE E PERCHÉ È IMPORTANTE 1

CHE COS'È LA MOTIVAZIONE E PERCHÉ È IMPORTANTE

7 Novembre 2022 Off Di Guendalina Brizzolari

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”

Seneca


Secondo te, che cose è la motivazione nel nuoto, e in particolare nel tuo nuoto?

La motivazione è un motore interno che si mette in moto quando il suo pilota vuole raggiungere degli obiettivi. E tu, quali sono le tue motivazioni? Ricercale in te, rispettale senza giudicarle e condividile con i tecnici affinchè possano essere spinta e risorse per i tuoi obiettivi.

50 racconti sul nuoto: il libro di nuotounostiledivita

Con il termine s’intende "qual è il motivo, la causa di un’azione o di un comportamento". CEI (1998) infatti indica come la motivazione determini la direzione, l’intensità, la persistenza del comportamento individuale e quindi del comportamento agonistico.

È importante avere consapevolezza della tipologia di motivazione che ci caratterizza nel presente. Vi sono Motivazioni intrinseche quando si fa prova piacere nell’allenarsi, nel nuotare in se per se, si trae soddisfazione nel sapere di aver dato il massimo. Ha origine dai bisogni dell’atleta che decide di mettere in atto quei comportamenti che gli permettono di sentirsi competente nel nuoto.

Le motivazioni estrinseche invece sono legate a cause esterne e più nello specifico a una ricompensa o un riconoscimento che gli individui riceverebbero al raggiungimento di un obiettivo. Gli atleti considerano la loro prestazione come un momento di piacere, di messa alla prova e conferma delle proprie competenze.


Bob Bowman, allenatore di Michael Phelps affermava in un’intervista:

“il segreto del successo di Michael è stata la motivazione a migliorarsi continuamente, resa possibile da una chiara definizione degli obiettivi. E’ innanzitutto fondamentale sapere dove ci si trova e dove si vuole andare in un dato momento e, successivamente, analizzare nel dettaglio la distanza tra i due punti e quali accorgimenti adoperare per colmare questo gap”.


In una citazione di Clews e Gross (1995) si può trovare un esempio di motivazione intrinseca:

“Ho sempre gareggiato contro me stesso per migliorare le mie prestazioni, il fatto che talvolta abbia ottenuto il record del mondo per me rappresenta un bonus. Il mio obiettivo è fornire ogni volta la mia prestazione migliore, non necessariamente il record del mondo”.


Un chiaro esempio di motivazione estrinseca si può vedere dalle parole sempre di Michael Phelps prima dell’inizio delle Olimpiadi del 2016:

“in questi Giochi voglio vincere 4 medaglie d’oro. Sarebbe fantastico essere il primo nuotatore over 30 a vincere un oro in una gara individuale”.


Quali sono le tue motivazioni che muovono le tue azioni verso i tuoi obiettivi? Ti piacerebbe avere dei suggerimenti per accrescere la motivazione ad esempio ? Scrivilo e sarò felice di risponderti e darti qualche spunto.


Guendalina Brizzolari
Psicologa dello Sport
www.psicologadellosport.it

Profilo Autore

Guendalina Brizzolari
Guendalina Brizzolari
Ho conseguito la Laurea Specialistica in Psicologia Clinica nel 2011 presso l’Università degli Studi di Bologna, ho superato l’esame di abilitazione alla professione di Psicologo iscrivendomi nel 2012 all’Albo degli Psicologi della Toscana n. 6592. Da sempre sono appassionata di sport e fermamente convinta del valore educatico dello sport nella crescita di ogni individuo e dell’importanza dei processi mentali nelle performance sportive di ogni atleta/persona. Il suo benessere al centro! Infatti mi sono specializzata conseguendo il Master in “Mental Training e Psicologia dello Sport” ed il Corso FIT “Preparatore Mentale di 1°livello nel Tennis”, approfondendo ad esempio con seminari e corsi tematici, su biofeedback nello sport, basi di PNL, training autogeno, ansia e disturbi psicosomatici etc. Faccio parte della FIPSiS Federazione Italiana Psicologi dello Sport e faccio sono nel Registro di Psicologia e Coaching nello Sport . Svolgo attività in studio in libera professione con consulenze psico-sportive per Atleti (percorsi di mental training, gestione ansia pre-gara-gestione dell’infortunio), consulenze psico-sportive per Allenatori ( organizzo anche Corsi di Formazione per gli staff tecnici) e consulenze psicologiche di sostegno e promozione del benessere (consulenze psicologiche individuali e sostegno alla genitorialità). Parallelamente svolgo attività “in campo” presso Società Sportive attraverso progetti creati ad hoc. Faccio divulgazione alla cittadinanza sull’importanza dell’attività sportiva e in contesti sportivi, affrontando le principali tematiche di psicologia dello sport (anche scrivendo articoli in siti online di sport). Mente e corpo facce di una stessa medaglia, entrambi allenabili per ottenere grandi risultati.