ISL 2019: LEWISVILLE | RISULTATI DEL 2° GIORNO DI GARE

ISL 2019: LEWISVILLE | RISULTATI DEL 2° GIORNO DI GARE

0 Di Federico

A Lewisville, negli USA, si conclude il secondo giorno di gare della terza tappa dell'International Swimming League, prima tappa del girone B che ha visto fronteggiarsi LA Current, NY Breakers, Team Iron e London Roar. La tappa è stata dominata dai London Roar che - nonostante l'assenza di Adam Peaty - sono riusciti a trionfare nella classifica a punti chiudendo a quota 484,5 davanti a LA Current.


L'MVP della terza tappa di ISL è andato a Vladimir Morozov vero e proprio protagonista, assieme a Katinka Hosszu, di questo weekend di gare. Questa la classifica al termine della tappa di Lewisville:

Di seguito tutti i risultati della seconda giornata di gare a Lewisville:


100 stile libero

Nella gara regina al femminile ha vinto Cate Campbell (London Roar, 51"37) davanti a Ranomi Kromowidjojo (Team Iron, 51"91) e Maddy Wilson (NY Breakers), terza parimerito con Bronte Campbell (London Roar) in 52"82.

Nella gara al maschile la vittoria è andata a Kyle Chalmers (London Roar) che ha chiuso in 46"22 davanti a Vladimir Morozov (Team Iron, 46"29) e Nathan Adrian (LA Current, 46"63). Quarto posto parimerito per Marcelo Chierighini (NY Breakers) e Ryan Held (LA Current).


100 rana

Nei 100 rana al femminile è arrivata la prima vittoria dei NY Breakers durante ISL. Breeja Larson ha vinto chiudendo in 1'03"80 davanti ad Alia Atkinson (Team Iron, 1'04"23) e Annie Lazor (LA Current, 1'04"75).

Nella finale maschile vittoria di Felipe Lima (LA Current) in 57"17. Secondo posto per Michael Andrew (NY Breakers) in 57"45, terza piazza per Kirill Prigoda (London Roar) in 57"61.


400 stile libero

I 400 stile libero al femminile hanno visto i London Roar fare man bassa di punti piazzando prima Holly Hibbot (4'02"28) e terza Boglarka Kapas (4'03"98), seconda Ajna Kesely del team Iron di Katinka.

La finale al maschile ha visto invece il dominio di Eljah Winnington (London Roar) in 3'38"84, seguito da Kristof Milak (Team Iron) in 3'40"83 e Jack McLoughlin (NY Breakers) in 3'40"87

200 misti

Nella gara dei 200 misti al femminile non delude l'Iron lady, prima in 2'06"22, a seguire Sydney Pickrem (London Roar) in 2'07"53 e Anastasia Gorbenko (LA Current) con 20'08'01.

I 200 misti maschili hanno visto i LA Current fare incetta di punti piazzando primo e terzo Andrew Seliskar in 1'54"17 e Josh Prenot in 1'55"56. Secondo Gunnar Bents (Team Iron) in 1'55"42.


50 delfino

I 50 delfino al femminile sono stati dominati dai LA current con Beryl Gastalldello (25"15) e Farida Osman (25"47). Terza Holly Barrat (London Roar) con 25"49.

Nella gara al maschile ha invece vinto Szebasztian Szabo (Team Iron) con 22"47, secondo Tom Shields (LA Current) con 22"51 e terzo Michael Andrew (NY Breakers) con 22"70.


100 dorso

Nella gara dei 100 dorso femminili Minna Atherton (London Roar) ha chiuso in 55"43 lasciandosi alle spalle le nuotatrici dei LA Current Kathleen Baker (56"89) e Amy Bilquist (57"13).

Nella finale al maschile stessa disposizione dei team: primo Guillherme Guido (London Roar) con 50"16 e a seguire i due dei LA Current Ryan Murphy (50"36) e Matt Grevers (50"58)


200 delfino

I 200 delfino al femminile hanno visto il dominio di Katinka Hosszu (Team Iron) in 2'05"52, seguita da Zsuzsanna Jakabos (Team Iron) 2'06"98 e Katie McLaughlin (LA Current) con 2'07"49.

Nella gara al maschile vittoria ancora per un ungherese del Team Iron, Kristof Milak, in 1'50"94. Seguono i due dei LA Current: Tom Shields (1'51"96) e Jack Conger (1'53"13).


50 stile libero skin

La Skin Race al femminile viene vinta - un po' a sorpresa - da Ranomi Kromowidjojo (Team Iron) che ha chiuso l'ultima sfida in 24"46 davanti a Emma McKeon (London Roar, 24"79). Fuori a sorpresa dall'ultimo round Cate Campbell che ha terminato al terzo posto il secondo round.

La gara al maschile, capolavoro di Vladimir Morozov (Team Iron) che ha gestito al meglio le forze durante il primo round (dove ha chiuso terzo) ed è andato quindi a dominare il secondo e il terzo vincendo la finalissima contro Nathan Adrian (LA Current) e ipotecando in questo modo l'MVP del match.


Staffette

Nelle staffette è doppietta London Roar che si aggiudicano sia la 4x100 mista femminile sia la 4x100sl maschile. Di seguito i risultati delle staffette:

4x100 mista femminile

  1. London Roar B – 3:47.91
  2. LA Current B – 3:50.61
  3. Iron B – 3:51.85
  4. New York Breakers A – 3:52.25
  5. London Roar A – 3:53.98
  6. LA Current A – 3:54.97
  7. New York Breakers B – 3:5975
  8. Iron A – 4:01.08

4x100 stile libero mista

  1. London Roar B – 3:17.54
  2. LA Current A – 3:19.96
  3. NY Breakers A – 3:20.80
  4. London Roar A – 3:20.83
  5. NY Breakers B – 3:23.44
  6. Iron A – 3:23.89
  7. Iron B – 3:27.48
  8. LA Current B — DQ

Si conclude così il terzo weekend di gare dell'International Swimming League. Appuntamento alle 20.00 di sabato prossimo per la terza tappa dell'International Swimming League che si svolgerà a Budapest.


Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social, iscriverti alla nostra newsletter, o iscriverti al nostro canale Telegram. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

FACEBOOK | INSTAGRAM | TELEGRAM


Entra nella nostra community:

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
23 anni, una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho ancora capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, tra una lezione universitaria e una nuotata in piscina mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social. Spesso mi firmo con lo pseudonimo di Julian Carax (anche lui è scappato da qualcosa, in questo caso da un libro di Zafon).