NUOTO: SETTECOLLI 2019 - RISULTATI 21 GIUGNO

NUOTO: SETTECOLLI 2019 - RISULTATI 21 GIUGNO

0 Di Federico

A Roma si è appena conclusa la prima giornata del 56° Trofeo Sette Colli - Internazionali di nuoto. Per l'ultimo test prima dei mondiali Gwangju, sono arrivati a Roma  500 nuotatori in rappresentanza di 39 nazioni. Ecco tutti i risultati importanti di oggi, 21 giugno.

"Il giorno dei ritorni": la potremmo intitolare così questa prima giornata di gare. Il ritorno di Florent Manaudou alle competizioni (secondo posto nei 50sl), il ritorno di Simone Sabbioni ad alti livelli dopo gli infortuni degli scorsi mesi, il ritorno di Piero Codia nei 100 farfalla con una prestazione convincente, e poi il ritorno a Roma di Katinka Hosszu. Ma la regina della giornata è Simona Quadarella, che ha vinto i 1500sl con una prestazione da urlo: secondo miglior tempo italiano di sempre e terza prestazione stagionale dell'anno.

Di seguito, gara per gara, tutti i risultati della giornata.


  • 50 dorso F

La brasiliana Etiene Medeiros - campionessa mondiale in carica - vince la finale dei 50 dorso donne davanti all'australiana Bronte Barrat e all'azzurra Silvia Scalia.


  • 50 dorso M

I 50 dorso al maschile se li è aggiudicati la giovane stella del nuoto USA Michael Andrew in 24"39, record dei campionati per lui. Alle sue spalle uno straordinario Simone Sabbioni nuota in 24"97, personal best per lui e sopratutto... crono da pass iridato! Sabbioni si riprende così definitivamente dopo un periodo di alti e bassi (causa infortuni) che sembrava non finire mai. Terzo posto per Matteo Milli in 25"16.

  1. Michael Andrew in 24"39
  2. Simone Sabbioni in 24"97
  3. Matteo Milli in 25"16

  • 400 sl F

Finale senza Simona Quadarella in partenza (che si è tenuta per 1500sl), ha vinto così la giovanissima nuotatrice magiara  Ajna Kesely (classe 2001) in 4’04″70, staccato di oltre sei secondi il secondo posto che è andato alla giapponese Chihiro Igarashi in 4’10″72, terza Stefania Pirozzi in 4’11″06.


  • 400 sl M

Finale bellissima di Gabriele Detti che ha vinto e convinto: 3’45″76 il suo crono. Alle sue spalle secondo posto per Matteo Ciampi (3’48″73) e terza piazza per il danese Ipsen.


  • 100 rana F

Una finale sfortunatissima per Martina Carraro nel giorno del suo compleanno. La ranista azzurra ha rotto il costume poco prima della gara e ha dovuto gareggiare con un costume non suo e chiudendo al secondo posto la finale vinta dalla spagnola Jessica Vall Montero. Il podio:

  1. Jessica Vall Montero in 1'06"67
  2. Martina Carraro in 1'07"07
  3. Mamiè in

  • 100 rana M

Sua maestà Adam Peaty vince i 100 rana in 58″72 gestendo la gara. Ottimo secondo posto per Martinenghi in 59″30, terzo posto per Gomes Junior. Non una buona gara quella di Fabio Scozzoli che dopo dei buoni primi 50 metri è calato nel finale chiudendo in 1’00″19, crono sottotono per lui.


  • 50 farfalla F

Una bella finale quella dei 50 farfalla al femminile, vinti dal Holly Barratt in 25″68. Ottima Ilaria Bianchi che ha chiuso al terzo posto in 26"38, personal best per lei. Seconda piazza in 26"31 per la danese Beckmann.


  • 100 farfalla M

Probabilmente la gara più bella della giornata, per 2 motivi: il bellissimo testa a testa tra Metella e Le Clos, alla fine il sudafricano ha la meglio, e il bellissimo crono di Piero Codia che nei primi 50/75 metri fa vedere quanto mostrato a Glasgow. Solo sesto Matteo Rivolta. Questo il podio della gara:

  1. Chad Le Clos in 51"61
  2. Mehdy Metella in 51"65
  3. Piero Codia in 51"95

  • 50 sl F

Vince la finale dei 50sl al femminile la danese Pernille Blume in 24″09, davanti Femke Heemskerkl (24″71) e alla spagnola Rafael Munoz del Campo, terzo posto in 24″81.


  • 50 sl M

I 50sl al maschile se li è aggiudicati Bruno Fratus in 21"42, primo posto davanti a un grandissimo Florent Manaudou -che rientra alle competizioni a un livello davvero elevato-, terza piazza per Michael Andrew. Male gli azzurri: Condorelli e Dotto si fermano al quarto posto parimerito in 22"15, probabilmente l'unica vera delusione azzurra della giornata.

  1. Bruno Fratus in 21"42
  2. Florent Manaudou in 21"72
  3. Michael Andrew in 21"94

  • 1500 sl F

Chiude la giornata una stratosferica Simona Quadarella che vince e convince nuotando la seconda prestazione italiana di sempre nei 1500sl. L'azzurra scende sotto i 15 minuti e 50 secondi: 15'48"84 il crono nuotato dall'azzurra, meglio di lei solo Alessia Filippi. Per l'azzurra vittoria, personal best, e terzo tempo mondiale stagionale, quando ormai manca solamente un mese a Gwangju 2019. Senza ombra di dubbio questa è la notizia più bella della giornata.


Il programma di domani

La seconda giornata del Settecolli 2019 vedrà in acqua il mezzofondo azzurro con la sfida tra Paltrinieri e Detti negli 800sl e con Simona Quadarella negli 800sl al femminile. Sabato sarà anche il giorno della gara regina, sia al maschile che al femminile: la sfida tra Pernille Blume, Ranomi Kromowidjojo, Femke Heemskerk e Federica Pellegrini si prospetta stellare. Infine sarà la volta dei 400 misti... grande attesa per vedere lo stato di forma di Ilaria Cusinato nella prima parte della sfida contro Katinka Hosszu (i 200 misti li faranno domenica).

Batterie sempre alle 9.00 e finali sempre alle 19.00:

  • 100 farfalla F
  • 200 farfalla M
  • 100 dorso F
  • 100 dorso M
  • 400 misti F
  • 400 misti M
  • 100 sl F
  • 100 sl M
  • 50 rana F
  • 50 rana M
  • 800 sl F
  • 800 sl M

GWANGJU 2019

I Campionati Mondiali di nuoto 2019 si svolgeranno a Gwangju, in Corea, tra domenica 21 e domenica 28 luglio presso il Nambu University Municipal Aquatics Center PROGRAMMA COMPLETO


Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social o abbonarti alla nostra newsletter. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Nuota verso GWANGJU 2019 assieme a noi, che aspetti?

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM

Vivi #Gwangju2019 con noi!

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
23 anni, una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho ancora capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, tra una lezione universitaria e una nuotata in piscina mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social. Spesso mi firmo con lo pseudonimo di Julian Carax (anche lui è scappato da qualcosa, in questo caso da un libro di Zafon).