UNIVERSIADI 2019: I RISULTATI DEL NUOTO

UNIVERSIADI 2019: I RISULTATI DEL NUOTO

0 Di Federico

Alla piscina  Felice Scandone di Napoli cala il sipario sulla XXX edizione delle Universiadi Estive. L'italia acquatica chiude con 11 medaglie e si prepara per partire verso la Corea, a Gwangju, dove tra pochi giorni iniziano ufficialmente i Campionati Mondiali di nuoto 2019. Ecco tutti i risultati dell'Italia nel nuoto alle Universiadi 2019.

1 oro, 5 argenti e 5 bronzi. Si conclude con 11 medaglie l'avventura dei nuotatori azzurri alle Universiadi Estive 2019. L'oro di Silvia Scalia nei 50 dorso con lo stadio che esplode di gioia è senza ombra di dubbio l'immagine più bella ed emozionante di questa XXX edizione delle Universiadi. L'Italia chiude sesta il medagliere vinto da USA, davanti a Giappone e Russia, anche se per numero di medaglie saremmo quarti.


5 argenti

5 gli argenti vinti dagli azzurri: 3 in gare individuali con Matteo Ciampi nei 400sl (3'50"04), Alessio Occhipinti nei 1500sl (15'07"36), Linda Caponi nei 400sl al femminile (4'10"53) e poi le staffette 4x200sl femminile (con Linda Caponi, Paola Biagioli, Alice Scarabelli e Sara Ongaro) e maschile (con Mattia Zuin, Matteo Ciampi, Alessio Proietti Colonna e Stefano Di Cola).


5 bronzi

5 i bronzi: quello bellissimo di Ilaria Cusinato nei 400 misti (4'40"18) e poi Stefano di Cola nei 200sl (1'47"86), Silvia Scalia nei 100 dorso (1'00"43) e ancora una volta due staffette: la 4x100sl femminile con Paola Biagioli, Gioelemaria Origlia, Giulia Verona e Aglaia Pezzato e la 4x100sl maschile con Ivano Vendrame, Alessandro Bori, Davide Nardini e Giovanni Izzo. Peccato, infine, per il quarto posto di Matteo Lamberti negli 800sl, con la medaglia che gli è sfuggita per soli 2 centesimi.

Un risultato complessivamente positivo quello dell'Italnuoto, anche se peggiorano il numero di ori rispetto all'edizione di 2 anni fa quando le medaglie del metallo più pregiato furono ben 5, grazie alla tripletta di Gregorio Paltrinieri: 800sl, 1500sl e 10km e alla doppietta di Simona Quadarella (800sl e 1500sl).


Silvia Scalia... vista mondiale

Da sottolineare l'ottimo stato di forma di Silvia Scalia, finalmente alla vittoria in una massima competizione internazionale, porta a casa una doppietta bellissima: oro e bronzo, coronamento di un progressivo percorso di crescita che non sembra arrestarsi. Ora testa ai mondiali di Gwangju, il crono nuotato a Napoli nei 50 (27’’92) non è ancora da finale iridata, ma in Corea tutto può succedere!


Terminati gli Europei Giovanili di Kazan e le Universiadi di Napoli, ora è la volta dei Campionati Mondiali di Gwangju 2019, che inizieranno tra pochissimi giorni: il programma iridato prevede la partecipazione di tutte le discipline FINA: nuoto, nuoto di fondo, nuoto sincronizzato, pallanuoto, tuffi. All'interno delle seguenti pagine è possibile consultare il programma di tutte le discipline iridate:


Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social o abbonarti alla nostra newsletter. Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Nuota verso GWANGJU 2019 assieme a noi, che aspetti?

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM

Vivi #Gwangju2019 con noi!

ABBONATI ALLA NEWSLETTER

Profilo Autore

Federico
Federico
23 anni, una breve parentesi da nuotatore agonista, poi sono scappato per dedicarmi alla filosofia. Dopo 5 anni di università non ho ancora capito se sia peggio Kant o un 400 misti. Nel 2010, in una serata post allenamento, ho creato nuoto uno stile di vita, da quel giorno mi sono fermamente convinto di una cosa: "tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si nuota" (semicit). Da bambino Magnini era il mio idolo, crescendo ho iniziato ad amare il personaggio di Lochte, anche se quella di Ervin è la storia che mi affascina maggiormente. Regista e scenografo di film mentali da premio oscar, lettore a tempo perso, perdi tempo, tra una lezione universitaria e una nuotata in piscina mi diletto scrivendo articoli, curando la redazione del sito e pubblicando contenuti sui social. Spesso mi firmo con lo pseudonimo di Julian Carax (anche lui è scappato da qualcosa, in questo caso da un libro di Zafon).