Non mancano le emozioni nel secondo pomeriggio di finali agli Internazionali di Nuoto – Trofeo “Sette Colli” IP 2024. Un ottimo Michele Lamberti trionfa nei 50 dorso eguagliando in 24″40 il record italiano di Thomas Ceccon. Strepitoso Giacomo Carini nei 200 farfalla: l’azzurro arriva a soli 6 centesimi dal primato italiano di Burdisso e ipoteca il pass per i Giochi Olimpici di Parigi 2024.

Alessandro Miressi va a vincere la gara regina al maschile, bene anche Viola Scotto di Carlo nei 50 stile libero e Sara Franceschi nei 400 misti. Nei 50 rana doppietta azzurra con Nicolò Martinenghi e Benedetta Pilato. Kira Toussaint vince i 100 dorso, Daiya Seto si aggiudica i 400 misti mentre Sarah Sjostrom va a vincere i 100 stile libero. I due 800 stile libero in chiusura di giornata vengono vinti da Simona Quadarella che fa doppietta dopo la vittoria di ieri nei 1500sl e da Lukas Maertens.


I RISULTATI DELLE BATTERIE

100 farfalla donne

  • Record del mondo: 55″18
  • Record europeo: 55″48
  • Record italiano: 57″04
  • Tempo di qualificazione: 57″4

La prima finale della mattinata si apre con la vittoria dei 100 farfalla di Louise Hansson. La svedese classe ’96 vince in 57″34 con due centesimi di vantaggio sulla nipponica Rikako Ikke (57″36). Terza posizione per un’ottima Viola Scotto di Carlo che dopo il risultato di ieri nei 50 stile libero si conferma in un ottimo stato di forma. L’azzurra chiude in 57″87 davanti all’olandese Giele Tessa.

50 racconti sul nuoto: il libro di nuotounostiledivita

Il podio della gara:

  1. Louise Hansson in 57″34
  2. Rikako Ikke in 57″36
  3. Viola Scotto di Carlo in 57″87

200 farfalla uomini

  • Record del mondo: 1’50″34
  • Record europeo: 1’50″34
  • Record italiano: 1’54″28
  • Tempo di qualificazione: 1’55″0

Prestazione straordinaria di Giacomo Carini nei 200 farfalla, il nuotatore piacentino vince la finale A in 1’54″34, arrivando a soli 6 centesimi dal record italiano nuotato nel maggio 2021 da Federico Burdisso. Seconda posizione proprio per Federico Burdisso, il bronzo olimpico in carica sulla distanza chiude in 1’55″20. Terza posizione per Alessandro Ragaini in 1’56″28. Quella di Carini è la quinta prestazione stagionale.

Il podio della gara:

  1. Giacomo Carini in 1’54″34
  2. Federico Burdisso in 1’55″20
  3. Alessandro Ragaini in 1’56″28

100 dorso donne

  • Record del mondo: 57″13
  • Record europeo: 58″08
  • Record italiano: 58″92
  • Tempo di qualificazione: 59″5

La finale dei 100 dorso al femminile è un testa a testa tra le due orange Kira Toussaint e Maaike de Ward. A toccare per prima è Kira che va a vincere in 1’00″13 una gara non straordinaria dal punto di vista cronometrico. Seconda posizione per la connazionale Maaike De Waard in 1’00″33, terza posizione per la britannica Kathleen Dawson in 1’00″83. Federica Toma è la prima delle azzurre, per lei quarta posizione in 1’01″27.

Il podio della gara:

  1. Kira Toussaint in 1’00″13
  2. Maaike De Waard in 1’00″33
  3. Kathleen Dawson in 1’00″83

50 dorso uomini

  • Record del mondo: 23″55
  • Record europeo: 23″55
  • Record italiano: 24″40

Ottima prestazione di Michele Lamberti nei 50 dorso. L’atleta bresciano chiude la vasca secca del dorso con il tempo di 24″40, eguagliando così il primato italiano che Thomas Ceccon aveva nuotato proprio nella piscina del foro italico in occasione dei Campionati europei di Roma 2022. Seconda posizione per Thomas Ceccon in 24″55, terzo il brasiliano Guilherme Basseto in 24″86.

Il podio della gara:

  1. Michele Lamberti in 24″40
  2. Thomas Ceccon in 24″55
  3. Guilherme Basseto in 24″86

400 misti donne

  • Record del mondo: 4’24″38
  • Record europeo: 4’26″36
  • Record italiano: 4’34″34
  • Tempo di qualificazione: 4’37″9

La finale A dei 400 misti al femminile viene vinta dalla nuotatrice irlandese classe ’01 Ellen Walshe che va a vincere in 4’37″18 davanti a un’ottima Sara Franceschi (4’38″77), medaglia di bronzo per la britannica Freya Colbert in 4’40″15. Lontana dal podio, l’Iron Lady Katinka Hosszu, la magiara chiude in settima posizione in 4’49″47.

Il podio della gara:

  1. Ellen Walshe in 4’37″18
  2. Sara Franceschi in 4’38″77
  3. Freya Colbert in 4’40″15

400 misti uomini

  • Record del mondo: 4’02″50
  • Record europeo: 4’02″50
  • Record italiano: 4’09″29
  • Tempo di qualificazione: 4’11″9

Nella finale dei 400 misti uomini Daiya Seto fa gara a sé. Il mistista nipponico, bronzo nei 400 misti a Rio nel 2016 e tre volte campione iridato sulla distanza chiude la finale A in 4’09″68 con quasi 5 secondi di vantaggio sul britannico Max Litchfield (4’14″51). Terzo posto per lo scozzese classe ’02 Charlie Hutchison che chiude in 4’14″90. Pier Andrea Matteazzi è il primo degli azzurri: 4’16″98 il suo tempo.

Il podio della gara:

  1. Daiya Seto in 4’09″68
  2. Max Litchfield in 4’14″51
  3. Charlie Hutchison in 4’14″90

100 stile libero donne

  • Record del mondo: 51″71
  • Record europeo: 51″71
  • Record italiano: 53″18
  • Tempo di qualificazione: 53″5

Dopo la vittoria dei 50 farfalla di ieri, Sarah Sjostrom domina anche la finale della gara regina al femminile. La svedese chiude in 52″57 stabilendo così il nuovo record dei campionati. Seconda posizione per la nuotatrice di Hong Kong Siobhan Haughey che timbra in 52″78, terza posizione per la britannica Anna Hopkin in 53″53.

Prima delle azzurre Sofia Morini che ferma il cronometro in 53″92 vincendo la sfida per il quinto posto con la compagna Chiara Tarantino, sesta in 54″60.

Il podio della gara:

  1. Sarah Sjostrom in 52″57
  2. Siobhan Haughey in 52″78
  3. Anna Hopkin in 53″53

100 stile libero uomini

  • Record del mondo: 46″80
  • Record europeo: 46″86
  • Record italiano: 47″45
  • Tempo di qualificazione: 48″2

Ottima prestazione per Alessandro Miressi nei 100 stile libero. L’azzurro va a soli 8 centesimi dal muro dei 48″, chiude in 48″08 e stabilisce così il nuovo record dei Campionati. Seconda posizione per il britannico Matthew Richards in 48″45, terzo il brasiliano Guilherme Santos che timbra in 48″80.

Per quanto riguarda gli altri azzurri Manuel Frigo vince la finale B con il tempo di 49″02 mentre Giovanni Carraro chiude al quarto posto la finale B in 49″52.

Il podio della gara:

  1. Alessandro Miressi in 48″08
  2. Matthew Richards in 48″45
  3. Guilherme Santos in 48″80

50 rana donne

  • Record del mondo: 29″16
  • Record europeo: 29″16
  • Record italiano: 29″30

Dopo la vittoria con record italiano di ieri nei 100 rana, Benedetta Pilato va a vincere anche i 50 rana, nuotando ancora una volta sub 30 fermando il cronometro in 29″71. Seconda posizione per Sophie Hansson in 30″68, terza posizione per un’ottima Lisa Angiolini che chiude in 30″70 vincendo per un solo centesimo la volata finale con Arianna Castiglioni, quarta posizione in 30″71.

Il podio della gara:

  1. Benedetta Pilato in 29″71
  2. Sophie Hansson in 30″68
  3. Lisa Angiolini in 30″70

50 rana uomini

  • Record del mondo: 25″95
  • Record europeo: 25″95
  • Record italiano: 26″33

Nei 50 rana al maschile arriva la vittoria di Nicolò Martinenghi che conferma le buone sensazioni di ieri con la vittoria nei 100. L’azzurro vince la sfida con Ludovico Blu Art Viberti che chiude in 26″80. Terza posizione per Simone Cerasuolo in 27″05. Rimane ancora una volta giù dal podio Adam Peaty che chiude la vasca secca della rana in 27″16.

Il podio della gara:

  1. Nicolò Martinenghi in 26″65
  2. Ludovico Blu Art Viberti in 26″80
  3. Simone Cerasuolo in 27″05

800 stile libero donne

  • Record del mondo: 8’04″79
  • Record europeo: 8’14″10
  • Record italiano: 8’14″99
  • Tempo di qualificazione: 8’25″0

Bellissima la finale degli 800 stile libero al femminile. Sfida a due tra Simona Quadarella e la tedesca Isabel Marie Gose che si affrontano in un testa a testa vinto sul finale dalla romana grazie anche alla spinta di tutto il pubblico del Foro Italico. Simona Quadarella metta a segno l’ennesima doppietta dopo il successo di ieri nei 1500 stile libero. Interessanti i tempi nuotati con l’8’18″95 della Quadarella (nuovo record dei Campionati) e l’8’19″20 della tedesca. Terza posizione per la ventenne Leonie Maertens in 8’17″92.

Il podio della gara:

  1. Simona Quadarella in 8’18″95
  2. Isabel Marie Gose in 8’19″20
  3. Leonie Maertens in 8’17″92

800 stile libero uomini

  • Record del mondo: 7’32″12
  • Record europeo: 7’39″19
  • Record italiano: 7’39″27
  • Tempo di qualificazione: 7’42″8

Lukas Maertens va a vincere gli 800 stile libero al maschile in 7’43″52 davanti a Luca de Tullio che chiude in 7’45″80. Ottimo il crono nuotato dall’azzurro che ipoteca la qualificazione per i Giochi Olimpici di Parigi. In terza posizione per l’irlandese Daniel Wiffen che timbra in 7’46″83.

Il podio della gara:

  1. Lukas Maertens in 7’43″52
  2. Luca de Tullio in 7’45″80
  3. Daniel Wiffen in 7’46″83

I RISULTATI DEL NUOTO PARALIMPICO

100 stile libero uomini

La finale dei 100 stile libero uomini viene vinta da Simone Barlaam che ottiene 1020.75 punti con il tempo di 54″45.

100 stile libero donne

Carlotta Gilli va a vincere i 100sl libero al femminile. La primatista mondiale della distanza vince con 999,50 punti chiudendo le due vasche in 59″52.


Appassionato di nuoto?

Immergiti in questo affascinante mondo con noi! Non perderti le ultime notizie e gli ultimi racconti, seguici sui nostri canali social, iscriviti alla nostra newsletter o unisciti ai nostro canali WhatsApp e Telegram. Contenuti speciali, articoli di approfondimento, video coinvolgenti e podcast informativi.

👉 WHATSAPP: le ultime news live
👉 FACEBOOK: un tuffo quotidiano nel nuoto
👉 INSTAGRAM: i momenti più belli
👉 TELEGRAM: notizie e storie affascinanti


Non vuoi perderti le nostre storie?

Ricevi le ultime novità, approfondimenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta. Riceverai ogni settimana la nostra weekly newsletter contenente gli articoli e le storie più interessanti degli ultimi 7 giorni. Fai un tuffo nell’esperienza completa del nuoto: iscriviti ora!

📨 ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Profilo Autore

Sara
Sara
Laureata in Scienze Linguistiche, è entrata in piscina per la prima volta alla tenera età di 3 anni e da quel momento non se n'è più andata. Aspirante giornalista e intervistatrice per diletto, le piace parlare (dicono sia anche logorroica) e vivere di emozioni. Lo Sport è così importante che ha scelto un Master in Sport Digital Marketing & Communication.