IL RE E LA REGINA DELLA PRIMA GIORNATA A GWANGJU

IL RE E LA REGINA DELLA PRIMA GIORNATA A GWANGJU

21 Luglio 2019 Off Di Sara

Sono il re e la regina della prima giornata di gare al Centro Acquatico Internazionale di Nambu, a Gwangju. Nella prima giornata di gare hanno illuminato lo stadio del nuoto coreano dove, dal 12 luglio si stanno svolgendo i Campionati Mondiali di Nuoto. Entrambi anglofoni; lei australiana, lui britannico: signore e signori, sono Ariarne Titmus e Adam Peaty, la stella nascente australiana e il re della rana mondiale.


ARIARNE TITMUS NUOVA REGINA DEI 400 STILE LIBERO

Ariarne Titmus, classe 2000, è l'astro nascente del mezzofondo australiano. Già bronzo nella 4x200 stile libero femminile, vede nel 2018 l'anno del suo vero debutto internazionale: con tre ori ai Campionati del Commonwealth (400, 800 e 4x200 sl) vola ai mondiali in vasca corta di Hangzhou come una delle atlete più attese del mezzofondo. Ed è proprio in terra cinese che la Titmus si presenta al mondo intero e trova le prime medaglie di valore: 2 ori, nei 400 e 800 stile libero, accompagnati dai bronzi nella 4x50 e 4x200 stile libero.

E si arriva così all'appuntamento più importante: i Mondiali di Gwangju. A un anno dall'appuntamento olimpico, come più volte ribadito, il mondiale di Gwangju presenta per tutti gli atleti un test fondamentale in vista della preparazione del prossimo anno. E la Titmus non si fa trovare impreparata. Davanti a lei non c'è un'atleta qualsiasi, ma una vera e propria leggenda, Katie Ledecky: 6 medaglie olimpiche, 14 volte campionessa mondiale, detentrice di 3 record del mondo.

Katie Ledecky, l'anello di congiunzione tra il nuoto maschile e femminile, la donna imbattuta. Più o meno. Sì, perché la Ledecky è stata battuta, una sola volta. E noi italiani ce la ricordiamo bene. Era il 2017, il mondiale magiaro, quando la Divina, Federica Pellegrini, sconvolse il mondo intero vincendo, ancora una volta, il titolo mondiale nei 200 stile libero. Mai, prima d'allora, qualcuno era riuscito a battere Katie Ledecky.

E oggi la storia si ripete. La ragazzina di Launceston, Tasmania, sa di avere di fronte a sé non una rivale qualsiasi, ma una vera e propria Campionessa. Nella mattina coreana le qualifiche: la Ledecky domina le qualifiche e chiude prima con il crono di 4'01"84. Subito dietro a sé l'australiana con un ritardo di 0.58 (4'02"42). Pensare, prima della finale, che l'americana potesse subire l'azione della aussie era difficile, vista l'immensità dell'americana. Però...

LA GARA

Con una partenza ottimale, dopo i primi 150 la Titmus riesce a mettersi davanti alla Ledecky, per poi subire il rientro dell'americana. I 400 stile libero si trasformano così in un testa a testa per il primo posto, con la Titmus che conserva un piccolo vantaggio sull'americana fino ai 250 metri. Alla virata dei 250 metri l'americana vira davanti alla Titmus e comincia la sua progressione, acquistando un buon vantaggio. Alla virata dei 350 metri la lotta per l'oro sembra chiuso con la Ledecky che ha un vantaggio di 0.62 sulla Titmus, con una sola vasca da nuotare. Ma nell'ultima vasca qualcosa non funziona. La Titmus aumenta di frequenza, la Ledecky si inceppa, vede l'australiana risalire nella vasca affianco alla sua. A 15 metri dalla fine il passaggio della giovane australiana si è concretizzato e la aussie vola verso la vittoria

Dietro di sé le due americane: Katie Ledecky e Leah Smith. E' successo di nuovo: l'aliena di Washington è stata battuta. Sul podio abbozza un sorriso, ma dentro sé c'è la tristezza di chi non è abituata a perdere → LEGGI LE PAGELLE

Per sdrammatizzare un po' diciamo che "non c'è 2 senza 3" e noi siamo qui ad aspettare. #FORZAFEDE



ADAM PEATY RECORD NEI 100 RANA

Adam Peaty, il re della rana inglese, si riconferma il migliore al mondo nella sua specialità. Ai vertici dal 2014 quando, all'europeo di Berlino, si laureò campione sia nei 50 che nei 100. Da lì, una carriera in ascesa: 4 volte campione del mondo; campione olimpico nell'unica distanza che viene disputata alle Olimpiadi; 2 record del mondo. In grado di migliorarsi sempre, Adam Peaty non ha rivali, il re della rana è lui.

Di Uttoxeter, il campione britannico si allena a Derby, alla corte dell'ex olimpionica Melanie Marshall. Se il Regno Unito ha la sua regina, ha anche il suo re ed è Adam Peaty. In grado di andare oltre i limiti posti dalla natura, Adam Peaty è stato in grado di migliorarsi costantemente. E ancora una volta abbiamo assistito a un nuovo record

Nelle batterie della mattina nuota, con tutta scioltezza, i 100 metri in 57"59, ponendosi alla testa della classifica e facendo presagire la possibilità di un netto miglioramento. Ma il vero show si ha nel pomeriggio quando, in Corea, si nuotano le semifinali.

LA GARA

Inserito nella seconda delle due semifinali, a 25 metri è già davanti a tutti nonostante una partenza non del tutto ottimale (suo grande punto debole). Ai 50 metri è primo, con un vantaggio di 0.12 rispetto al record del mondo. La vasca di ritorno è un continuo progredire: con la sua nuotata non bella da vedere ma efficace come non mai, Adam Peaty acquista sempre più vantaggio nei confronti della concorrenza. Ma il tempo è quello che conta. Tutto lo stadio del nuoto di Gwangju è in piedi, la gente è incredula: 56"88 è il tempo che si legge sul tabellone, Adam Peaty ha letteralmente sfondato (a colpi di testa come la sua nuotata) il muro dei 57 secondi. Davanti agli occhi di tutto il mondo si è presentato lo show più bello di sempre → LEGGI LE PAGELLE

Ma le emozioni, siamo certi, non finiranno qui. Manca ancora la finale (domani, ore 13:00 italiane) e poi batterie, semifinali e finale dei 50 rana. E quindi mettetevi comodi, perché lo show è appena iniziato.


#Gwangju2019: il programma iridato prevede la partecipazione di tutte le discipline FINA: nuoto, nuoto di fondo, nuoto sincronizzato, pallanuoto, tuffi. All'interno delle seguenti pagine è possibile consultare il programma delle singole discipline:


La diciottesima edizione dei Campionati Mondiali di nuoto è l'evento clous per gli sport acquatici del 2019, nonché vero e proprio trampolino di lancio in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Per rimanere sempre aggiornato e ricevere tutte le news in anteprima puoi seguirci sui social o iscriverti alla nostra newsletter.

Contenuti speciali, articoli, video e podcast! Che aspetti?

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM

Vivi #Gwangju2019 con noi!

Profilo Autore

Sara
Sara
Studentessa al terzo anno di Scienze Linguistiche per le Relazioni Internazionali, è una delle scrittrici di nuotounostiledivita.it. Appassionata di Sport, ha praticato nuoto sin da bambina. Ora gestisce @lefotodellastoriadelnuoto, con l’intento di raccontare gli eventi più belli che hanno fatto la storia di questo sport. Ama leggere, viaggiare e guardare serie TV!